Home Attualità Quarantena e Dad solo per i non vaccinati, le nuove regole approvate...

Quarantena e Dad solo per i non vaccinati, le nuove regole approvate dal Cts

CONDIVIDI

Secondo il Comitato tecnico scientifico i tempi sono maturi per le nuove quarantene nella scuola. Il Cts lo ha confermato durante la riunione svolta mercoledì 2 febbraio: un incontro propedeutico al Consiglio dei ministri. Queste le nuove modalità consigliate dal Cts:

  • Per infanzia – sempre didattica in presenza sino al quarto caso di positività acclarata; dal quinto caso confermato per tutti la didattica a distanza;
  • Per la primaria scatterebbe la “divaricazione” distinguendo chi è vaccinato o guarito da chi non lo è. Anche qui dal quinto caso compreso, gli studenti vaccinati “forti” restano in classe, mentre vanno a distanza quelli che non lo sono con DiD;
  • Per i due gradi della secondaria, alla luce dell’elevato numero di casi COVID confermati, la divaricazione si anticipa, poiché solo con due casi in classe si attiva la DiD.

Le nuove regole dovrebbero scattare da lunedì prossimo, 7 febbraio: per tutti la DaD dovrà attivarsi per chi non ha le caratteristiche di cui alla circolare Ministero della Salute n. 60136 del 30/12/2021 con quarantene per i non vaccinati dimezzata a 5 giorni (il cui rientro sarà vincolato a tampone di avvenuta negativizzazione) ed azzeramento per i vaccinati forti.

Icotea

Dall’incontro pomeridiano del Cts si conferma l’autosorveglianza per i vaccinati forti (booster, primaria entro 120 gg, guariti entro 4 mesi) con attuazione degli asset prevenzionistici (lavaggio mani, areazioni, distanziamento ed FFP2 a 10 gg).

Il Decreto Sostegni TER conferma le misure relative alla scuola riportate agli articoli 19 e 30 del D.L. n. 7 del 27/1/2022. Inoltre come da nota esplicativa del capo dipartimento dott. Greco dell’1/2/2022 n. 110 si evidenzia:

  • all’art. 19 DL n. 7 del 27/1/2022 la distribuzione gratuita di mascherine FFP2 al personale e agli alunni in autosorveglianza. Tali mascherine saranno acquistate, sulla base di un’attestazione dell’Istituzione scolastica interessata che ne comprovi l’effettiva esigenza, presso le farmacie che hanno aderito al Protocollo stipulato il 4 gennaio 2022 ai sensi dell’art. 3 del D.L. 30 dicembre 2021 n. 229, valido fino al 31 marzo 2022. Le scuole si avvarranno del modulo “A” per l’attestazione di fabbisogno di acquisto di mascherine ed il modello “B” relativamente all’ordinativo di fornitura.
  • che I Dirigenti scolastici potranno dotarsi presso le farmacie aderenti dei relativi dispositivi sarà, come stabilito nel comma 2 dell’art. 19 del D.L. 4/2022, il Ministero dell’Istruzione, con apposito decreto, che definirà le modalità di riparto delle risorse finanziarie stanziate, necessarie alle Istituzioni scolastiche stesse per corrispondere alle farmacie, a partire dal mese di marzo, quanto dovuto per le forniture in parola, le quali saranno trasferite alle scuole in un’unica soluzione e disciplinerà le modalità di remunerazione e di gestione dei pagamenti.
  • all’art. 30 comma 1 DL n. 7 del 27/01/2022 la prosecuzione della didattica in presenza durante l’autosorveglianza (due casi di positività alla secondaria). Gli studenti entreranno in classe senza aver effettuato un test antigenico rapido o molecolare con esito negativo, ma soltanto con la verifica della certificazione verde mediante l’applicazione mobile aggiornata da parte del Ministero. La stessa misura si applica, in tutti gli altri casi, anche per la riammissione in classe degli alunni in regime sanitario di autosorveglianza dopo una sospensione delle attività educative e didattiche in presenza a causa dell’accertamento di casi di positività.
  • le nuove funzionalità di verifica automatizzata, saranno messe a disposizione dall’app “Verifica C-19” e permetteranno alle Istituzioni scolastiche di controllare mediante la lettura del QR code e senza necessità di presentare certificazione medica il possesso da parte degli alunni delle condizioni sanitarie per l’applicazione del regime di auto-sorveglianza.
  • all’art. 30 comma 2 prevede l’accesso gratuito ai test antigenici rapidi, già previsto per la popolazione scolastica delle scuole secondarie di I e II grado posta in autosorveglianza, anche alla popolazione scolastica delle scuole primarie.

La circolare n. 110 dell’1 febbraio 2022