Home Pensionamento e previdenza “Quota 96”: riparte con “Telegramma bombing”

“Quota 96”: riparte con “Telegramma bombing”

CONDIVIDI

La proposta, condivisa da tutto il Comitato “Quota 96”, unito nel proprio Blog e nella pagina Facebook, è quella di un “invio massiccio di telegrammi a tutti i ministri, al direttore dell’Inps e a Matteo Renzi dei quali non si conosce l’indirizzo email, così da essere certi che riceveranno le nostre richieste”.
Il consiglio che i promotori del Comitato danno anche a chi si ritiene convolto, seppure alla lontana, in questa lotta per l’ottenimento di un diritto, quello cioè di andare in pensione in sdegno alla Legge Fornero, è di bombardare i soggetti in indirizzo “a partire da domani mattina, lunedì 5 maggio, tra le 9,30, 11,30, o, per chi non può, nel pomeriggio, sia via Web (previa registrazione sito Poste italiane, pagamento carta di credito o postepay), sia telefonicamente al N° 186 (pagamento su bolletta Telecom) o direttamente all’ufficio postale”.
Ma si suggerisce pure, scrivono i promotori, “di continuare il pressing, via email, via twitter a tutti gli altri destinatari che siederanno al Tavolo tecnico il 7 Maggio”.
Al tavolo tecnico parteciperanno il ministro del Lavoro, dell’Economia, il direttore dell’Inps e i presidenti delle Commissioni lavoro di camera e senato per “Trovare soluzione a esodati e quota 96”.
E come se non bastasse vengono pure proposti testi già scritti, da copiare e incollare, ma pure da integrare se si ritiene opportuno, magari facendo riferimento alle proprie storie personali, che sono tante.
Un appello rivolto pure ai precarie a chi attende di essere immesso in ruolo, perché andando in pensione, questo piccolo esercito di 4000 persone possono essere rimpiazzati da altrettanti supplenti collocati in altra lista di attesa: quante liste di attesa in Italia.
Ecco alcuni testi sintetici ma, dicono sempre i promotori, “completi per le nostre richieste … naturalmente possono essere modificati, integrati, personalizzati.
Testo N°1:
Governo 7 maggio risolva errore burocratico Quota96Scuola come da impegno risoluzione Def e parere unanime tre Commissioni Parlamentari
Testo N°2:
Governo 7 maggio reperisca risorse per approvazione celere PdL 249/1186 4000 pensionamenti per 4000 assunzioni. Basta veti pretestuosi RdS/Inps
Testo N°3:
Governo 7 Maggio restituisca diritto scippato alla pensione ai 4000 Quota96Scuola veri truffati dalla riforma Fornero Liberi posti lavoro per giovani”

1) Ministro Giuliano Poletti 
Via Veneto, 56 – 00187 Roma
2) Ministro Pier Carlo Padoan 
Via XX Settembre, 97 00187 Roma
3) Dottor Mauro NORI
Via Ciro il Grande, 21 00144 ROMA
4) Presidente Matteo Renzi
Sant’Andrea delle Fratte, 16 – 00187 Roma

Icotea