Home Politica scolastica Regionalizzazione della scuola: ci sono già diversi esempi. In Sicilia le tasse...

Regionalizzazione della scuola: ci sono già diversi esempi. In Sicilia le tasse restano quasi tutte in regione

CONDIVIDI

La data del 15 febbraio, indicata ormai come il termine entro il quale la “regionalizzazione differenziata” richiesta da Veneto e Lombardia dovrebbe prendere avvio, si sta sempre più avvicinando.

Stipendi migliori nelle regioni che diventeranno autonome

E nel mondo della scuola cresce la preoccupazione anche se i fautori della riforma cercano di mettere in evidenza i benefici che potrebbero derivarne non solo per gli studenti e per le famiglie ma anche per il personale.
Si parla infatti di possibili aumenti stipendiali legati al fatto che le Regioni potrebbero mettere a disposizione ulteriori risorse da destinare alla contrattazione integrativa.
Le preoccupazioni sono legate invece alla ipotesi che il passaggio alle regioni di nuovi compiti e nuove funzioni potrebbe accompagnarsi a importanti trasferimenti finanziari: se così fosse si creerebbero poco per volta sistemi scolastici di serie A e sistemi di serie B.
La preoccupazione è del tutto comprensibile e legittima ma sarebbe però il caso di considerare che già oggi i trasferimenti alle Regioni non avvengono secondo criteri perfettamente proporzionali al numero di abitanti.

Come funzionano le cose nelle regioni e province autonome

Alle province autonome di Trento e di Bolzano, per esempio, vanno già oggi i 9/10 di quasi tutte le imposte erariali oltre che una quota variabile di anno in anno dell’Iva.
Anche alla Valle d’Aosta vanno i 9/10 di quasi tutte le imposte.
Ma va ricordato che sia nel Trentino Alto-Adige sia in Valle d’Aosta il personale della scuola non è dipendente dello Stato e quindi gli stipendi gravano sui bilanci delle province e della regione.
Diverso è il caso della Sardegna che trattiene i 7/10 dell’Irpef e quote significative di diverse altre entrate erariali senza doversi però preoccupare di pagare il personale scolastico.

ICOTEA_19_dentro articolo

Il caso della Sicilia

Situazione del tutto particolare è infine quella della regione a statuto speciale della Sicilia che gode di una autonomia molto ampia che affonda le sue ragioni nella storia passata dell’isola e nel movimento separatista della metà degli anni ’40.
La Sicilia, già oggi, incassa per intero tutti i tributi erariali, ad eccezione delle accise e dei proventi del monopolio dei tabacchi.
Il personale della scuola non è a carico del bilancio del regionale, mentre la regione ha competenza legislativa esclusiva in materia di istruzione elementare.