Home Generale Riapertura scuole, Unifad lancia petizione per due settimane di DaD

Riapertura scuole, Unifad lancia petizione per due settimane di DaD

CONDIVIDI
  • Credion

Dai social la presidentessa del sindacato UNIFAD , Adele Sammarro, lancia una petizione al Ministro dell’istruzione, Patrizio Bianchi, al Presidente del Consiglio Mario Draghi e a tutti i presidenti di Regioni, ivi compreso il Presidente della Regione Calabria Dr. Roberto Occhiuto, per chiedere il posticipo delle lezioni in presenza per almeno due settimane.

Calabria forte aumento contagi

In meno di 24 ore, scrive Adele Sammarro, soprattutto dai docenti Calabresi e da molto sostenitori della petizione, sono state raccolte circa unidicimila firme. A destare forte preoccupazione in Calabria è il forte aumento di contagi registrato nelle ultime ore, a cui si aggiunge il ridotto numero di posti in rianimazione, il blocco dei nosocomi e del pronto soccorso. L’apertura delle scuole senza alcun monitoraggio potrebbe comportare seri rischi. Ad oggi, ancora non sono stati previsti interventi adeguati per consentire il rientro in sicurezza, nessuno si è preoccupato seriamente del problema.

Icotea

Problema delle strutture scolastiche

Nelle nostre aule non è possibile garantire alcun distanziamento- dichiara la presidentessa Adele Sammarro- data la sottostimata capienza delle stesse, dove, tra l’altro non non esistono sistemi adeguati di ventilazione, purificazione, sanificazione dell’aria e, di conseguenza sarà sempre più difficile garantire la tutela della salute e il rispetto delle norme di sicurezza. Va anche considerato che il virus si diffonde per via aerea e che la classe favorisce meglio la diffusione del contagio, i ragazzi non utilizzano in modo corretto le mascherine e l’utilizzo prolungato della mascherina, rende tutto più difficile. Sono questi i motivi che ci inducono a chiedere il rinvio dell’apertura in presenza. Questo ritorno forzoso sembra più una scommessa politica che una effettiva salvaguardia dei diritti degli studenti, delle loro famiglie e dei docenti calabresi.