Home Attualità Rientro nei nidi e scuole d’infanzia, firmato il protocollo sicurezza: previsto il...

Rientro nei nidi e scuole d’infanzia, firmato il protocollo sicurezza: previsto il sostegno psicopedagogico

CONDIVIDI
webaccademia 2020

“I bambini, le famiglie e i lavoratori del sistema integrato per l’educazione e istruzione da 0 a 6 anni potranno iniziare a settembre un nuovo percorso educativo sicuro e strutturato negli asili nido, nelle sezioni primavera, nei servizi e nelle scuole dell’infanzia”: a scriverlo, in un comunicato unitario, sono stati Cgil, Cisl, Uil, Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl, Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, a seguito della sottoscrizione del Protocollo sicurezza per servizi educativi e scuole infanzia.

Assicurate le migliori condizioni nel segmento 0 – 6

“Con questa firma – si legge nella nota – si creano le condizioni affinché, nello spirito di responsabilità e di condivisione, la molteplicità dei soggetti coinvolti potrà convergere per assicurare le migliori condizioni della ripartenza anche nel segmento 0 – 6 del sistema integrato”.

“Tale protocollo, insieme a quello sottoscritto il 6 agosto per le scuole di ogni ordine e grado – scrivono le tre Confederazione insieme alle categorie del pubblico impiego e della scuola – completano e ampliano il quadro di garanzie e tutele per un settore strategico per lo sviluppo. Si creano condizioni condivise di rientro nei centri educativi per la prima infanzia e per le scuole dell’infanzia dell’intero sistema paritario, riconoscendo le specificità gestionali, che danno risposte alle famiglie e agli operatori”.

ICOTEA_19_dentro articolo

Le Confederazioni, insieme alle categorie interessate, fanno sapere che, tra soggetti pubblici e privati, sono stati concordati alcuni principi e requisiti per: l’igienizzazione di locali e arredi; la gestione della prima fase di manifestazione di sintomi riconducibili al contagio; la formazione e informazione su regole di prevenzione rivolte alle famiglie, agli accompagnatori e ai lavoratori.

I cinque punti qualificanti

I sindacati reputano cinque i punti “particolarmente qualificanti” e che “aprono prospettive di ulteriore approfondimento e miglioramento”.

L’esigenza di garantire la stabilità e continuità dei gruppi e sezioni con le figure adulte di riferimento (educatori, docenti, operatori ausiliari), evitando l’utilizzo promiscuo di spazi da parte dei bambini di diversi gruppi/sezioni, secondo il modello organizzativo ‘a bolla’.

La necessità di dare risposte concrete al ‘personale in condizioni di fragilità’, nell’ambito dell”accomodamento ragionevole’ previsto dal Protocollo Nazionale di Sicurezza del 24 aprile 2020 voluto dalle organizzazioni sindacali.

Il coinvolgimento delle Asl nel sostegno psicopedagogico, salvaguardando, laddove presente, la funzione dei coordinamenti pedagogici nonché soluzioni più flessibili relative ai servizi mensa.

La necessità di verificare, secondo le proprie competenze in materia di sistema integrato 0-6, la possibilità di individuare ulteriori figure professionali.

La necessità anche in deroga alle norme per le sostituzioni, di assegnare dotazioni organiche aggiuntive nei limiti delle risorse disponibili.

Ora serve la legge

Secondo i sindacati che hanno partecipato alla stesura del protocollo “questi ultimi impegni necessitano di risposte coerenti da parte del legislatore affinché risorse finanziarie siano rese disponibili per raggiungere gli importanti obiettivi definiti, superando vincoli di bilancio ormai insostenibili per la tenuta del sistema. Serve un provvedimento legislativo di urgenza, che sciolga tutti i nodi che ostacolano ancora una serena ripartenza per garantire diritto a istruzione e salute”.

“Il Protocollo – prosegue la nota – impegna le parti ad una assidua azione di confronto per i diversi livelli di responsabilità, attraverso tavoli permanenti costituiti a livello nazionale e regionale con tutti i soggetti coinvolti. Sindacato, Regioni, Ministeri, parti datoriali sono chiamati a svolgere una funzione di grande rilevanza per restituire all’infanzia il ruolo di categoria sociale che, troppo spesso, viene ignorata, ridando voce a coloro che non possono e non devono subire conseguenze delle crisi”, concludono le Confederazioni.

Preparazione concorso ordinario inglese