Home Sicurezza ed edilizia scolastica Riparte (dopo quasi vent’anni) l’Osservatorio sull’edilizia scolastica

Riparte (dopo quasi vent’anni) l’Osservatorio sull’edilizia scolastica

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Nella giornata dell’8 gennaio si insedierà presso il Ministero dell’Istruzione l’Osservatorio per l’edilizia scolastica.
“L’ultima riunione – ricorda il sottosegretario Davide Faraone – risale al 1998, cioè a quasi venti anni fa. Si tratta di un segnale di attenzione da parte del Governo”.
Oltre al rappresentante del Miur faranno parte dell’Osservatorio rappresentanti del Ministero dell’Economia e delle Finanze, del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti e del Ministero dei Beni Culturali.
Ma ci saranno anche rappresentanti dell’Anci (l’Associazione dei Comuni), dell’Upi (l’Unione delle Province) e del Coordinamento delle Regioni.
L’Osservatorio dovrà svolgere attività di supporto nella programmazione e nella attuazione degli interventi di edilizia scolastica, soprattutto con lo scopo di armonizzare l’elaborazione del piano nazionale e dei piani regionali.
“La ripartenza dell’Osservatorio e dell’Anagrafe dell’Edilizia – sostiene Faraone – è un segnale chiaro di quanto il tema della sicurezza delle scuole stia davvero a cuore a questo Governo”
“Che l’edilizia scolastica sia una priorità – aggiunge il sottosegretario – lo dimostrano i numeri. Nel corso del 2015, infatti, verranno aperti circa 1.600 cantieri per la messa in sicurezza di plessi scolastici e altrettanti saranno i cantieri di #scuolenuove. E ci saranno anche 600 interventi di efficientamento energetico e almeno 100 nuove scuole da realizzare con fondi Inail”.
“Per quanto riguarda il filone #scuolebelle – conclude Faraone – entro la primavera del 2016, si interverrà per la manutenzione e l’abbellimento di circa 15.000 istituti”.

Preparazione concorso ordinario inglese