Home Archivio storico 1998-2013 Generico Riserve, sì all’iscrizione al collocamento dei supplenti disabili

Riserve, sì all’iscrizione al collocamento dei supplenti disabili

CONDIVIDI
  • Credion


Il chiarimento è stato fornito dalla seconda sezione in sede consultiva, con un provvedimento trasmesso al Ministero dell’istruzione il 19 aprile scorso, reso noto solo in questi giorni (11616/2004).

In buona sostanza il supremo organo consultivo ha riaffermato quanto era già stato acclarato dalla giurisprudenza amministrativa. E cioè che lo stato di disoccupazione non si perde se il supplente lavora con supplenze brevi o temporanee fino al termine delle attività didattiche.

Il corollario di quanto stabilito dal Consiglio di Stato è che i Centri per l’impiego non possono rifiutare l’iscrizione nelle liste del collocamento ai supplenti disabili.

Come invece è avvenuto finora in molte province.

L’iscrizione al collocamento, peraltro, è il presupposto che dà titolo agli interessati ad accedere alla quota di riserva destinata alle assunzioni dei disabili, che la legge 68/99 fissa nell’ordine del 7 per cento dell’organico.

Lo stato di disoccupazione si perde, invece, se il docente disabile è titolare di incarico di supplenza annuale (fino al 31 agosto).

Il chiarimento giunge al termine di una lunga diatriba, che ha costretto, anche quest’anno, molti docenti disabili a licenziarsi prima della scadenza del contratto, per far valere la riserva nelle graduatorie permanenti che gli uffici scolastici provinciali stanno pubblicando in questi giorni.