Home Attualità Ritorno al voto numerico, il Ministero precisa che non c’è nessun contrordine

Ritorno al voto numerico, il Ministero precisa che non c’è nessun contrordine

CONDIVIDI
webaccademia 2020

In merito alla nota diramata ieri dal Capo Dipartimento Max Bruschi, dal Ministero precisano: “Nessun contrordine sulla valutazione degli alunni alla primaria. Il Ministero ha ricordato alle scuole, che si apprestano a ripartire, il quadro esistente previsto dalla nuova legge, così come votata questa estate dal Parlamento, che prevede che solo nella valutazione finale ci sia un giudizio descrittivo e non numerico”.

Effettivamente il testo dell’emendamento che a suo tempo era stato inserito nella legge di conversione del decreto 22 parla di “deroga” alle norme in vigore e non di modifica o abrogazione della norma precedente.
Qualcosa di più si comprende consultando il dossier tecnico disponibile nel sito del Senato.

La disposizione – si legge nel dossier – prevede che “dall’a.s. 2020/2021, la valutazione finale degli apprendimenti degli alunni della scuola primaria è espressa, per ciascuna delle discipline di studio previste dalle Indicazioni Nazionali per il curricolo, attraverso un giudizio descrittivo riportato nel documento di valutazione e riferito a differenti livelli di apprendimento, secondo termini e modalità definiti con ordinanza del Ministro dell’istruzione”.
“Ciò –prosegue il dossier – in deroga rispetto a quanto previsto dall’art. 2, co. 1, del d.lgs. 62/2017. L’art. 2, co. 1, del d.lgs. 62/2017 prevede che la valutazione periodica e finale degli apprendimenti degli alunni nel primo ciclo, compresa la valutazione dell’esame di Stato, per ciascuna delle discipline di studio previste dalle Indicazioni Nazionali per il curricolo, è espressa con votazioni in decimi che indicano differenti livelli di apprendimento”.

ICOTEA_19_dentro articolo
CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese