Home Attualità Safe, per finanziare l’educazione contro la violenza di genere

Safe, per finanziare l’educazione contro la violenza di genere

CONDIVIDI

Safe, la prima agenzia nazionale di fundraising del Centro Studi e Documentazione Pensiero Femminile, nata a Torino, lancia la proposta di finanziare  l’educazione nelle scuole contro la violenza di genere grazie all’alleanza tra profit e non profit, una staffetta di aziende e associazioni per sostenere l’educazione alla non violenza di genere.

Il Manifesto per l’alleanza educativa

Al lancio dell’iniziativa è anche stato redatto il “manifesto di un’alleanza per l’educazione per una società libera dalla violenza di genere”.

Prossima tappa, dopo Torino, il 13 dicembre a Bari.

Al lancio di Safe ha partecipato la senatrice pd Valeria Valente, presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio e su ogni forma di violenza di genere e prima firmataria del ddl “Introduzione dell’educazione alle differenze di genere nelle attività didattiche delle scuole del sistema nazionale di istruzione e nelle università.

ICOTEA_19_dentro articolo

Cos’è Safe

Safe è la prima agenzia nazionale di fundraising che insieme a 25 associazioni sparse sull’intero territorio nazionale vuole garantire percorsi stabili di educazione alla non violenza di genere nelle scuole e nei centri giovanili sportivi, artistici e culturali. Safe considera l’assenza di violenza di genere un bene comune e ritiene che le aziende possano contribuire a creare una nuova cultura nelle proprie comunità di riferimento, grazie al coinvolgimento diretto nei progetti che eroga delle/dei propri dipendenti e del territorio.

I numeri della violenza di genere

Stando agli ultimi dati Eures è evidente che la nostra cultura rende ancora molto deboli gli sforzi compiuti da chi cerca di contrastare la violenza di genere: sono 3.230 le donne assassinate dal 2000 ad oggi, 538 mila le donne che hanno subito violenza fisica o sessuale negli ultimi 5 anni,1.546 le ragazze minorenni stuprate negli ultimi 5 anni, 40 mila tweet negativi su 150 mila nel 2018, avevano come obiettivo le donne e 142 le donne uccise nel 2019.