Home Politica scolastica Salta l’incontro sulla mobilità tra Miur e sindacati del 7 dicembre?

Salta l’incontro sulla mobilità tra Miur e sindacati del 7 dicembre?

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Le dimissioni del Presidente del Consiglio Matteo Renzi hanno aperto la crisi di governo che dovrebbe trovare una soluzione nel giro di qualche giorno.

Chi prenderà il posto di Renzi a Palazzo Chigi? Sarà Pier Carlo Padoan, Piero Grasso o Graziano del Rio, questo lo sapremo a breve, tuttavia il nuovo governo non entrerà effettivamente in carica prima della prossima settimana.

ICOTEA_19_dentro articolo

Infatti nelle segreterie nazionali dei Sindacati della scuola, che erano stati convocati dal Miur il 7 dicembre 2016 per un incontro politico sulla mobilità 2017/2018, è arrivata la notizia ufficiosa che l’incontro è stato annullato a causa della crisi di governo.

Si attende solo l’ufficialità dell’annullamento di tale incontro che presumibilmente verrà richiesto e fissato dal ministro dell’istruzione del nuovo governo.

Intanto i sindacati, soprattutto la Flc Cgil, vede la possibilità all’orizzonte di trovare una soluzione politica per superare i nodi imposti dalla legge 107/2015 sulla mobilità.

Il nuovo governo e il nuovo ministro dell’Istruzione, che sarà una figura completamente diversa, politicamente e carismaticamente, dall’On. Stefania Giannini, sarà disponibile ad accettare di derogare la legge 107/2015 sulla questione dei trasferimenti su scuola e non più su ambito territoriale, in base agli accordi presi il 30 novembre 2016 con l’intesa sul rinnovo del Contratto del pubblico impiego?  

Bisognerà attendere la nascita del nuovo governo e la nomina del nuovo inquilino di viale Trastevere, per capire come si concluderà la questione del Contratto della mobilità 2017/2018 della scuola, che per adesso vede incombere la titolarità su ambiti territoriali per tutti coloro che faranno domanda di mobilità.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese