Home I lettori ci scrivono SBC, Contratto Mobilità 22/25, i vincolati sono stati traditi

SBC, Contratto Mobilità 22/25, i vincolati sono stati traditi

CONDIVIDI

Credo di poter dire agli insegnanti vincolati, che hanno esultato per la soluzione della CISL Scuola, introdotta nel CCNI 22/25 (comma 7 art.2) o meglio per la soluzione che il Ministero dell’Istruzione ha trovato e la CISL Scuola ha sottoscritto lo scorso 27 gennaio, che resteranno molto delusi dagli esiti dei movimenti 22/23, il prossimo mese di maggio. 
In primis sono ridotti i posti su cui saranno effettuati i trasferimenti (vedi art 8 CCNI 22/25) e molti di loro purtroppo non otterranno il trasferimento, penso, ad esempio, ai trasferimenti interprovinciali su aliquota del 25% tra province diverse di regioni diverse anche confinanti, o tra province della medesima regione. 

Ci saranno per alcune classi di concorso e tipologie di posti anche difficoltà per i trasferimenti all’interno della medesima provincia.
A questo dato oggettivo bisogna aggiungere che è stato introdotto un nuovo  vincolo nel trasferimento, (comma 7 art.2) e questo è il frutto avvelenato che i ministeriali hanno servito ai docenti vincolati, in pratica facendo finta di cambiare per non cambiare nulla, come disse Tancredi allo zione Principe di Salina al gran ballo nel Gattopardo. 

Icotea

Per i vincolati 20/21 e 21/22 i vincoli triennali sono ripristinati e partono ex novo per i docenti vincolati 20/21 e 21/22 che otterranno il trasferimento per il 22/23. 
Una sorta di pegno da pagare anche per i vincolati 20/21 che, se trasferiti, totalizzeranno 5 anni di vincolo due già scontati e tre da scontare ancora, in pratica il CCNI firmato dalla Cisl Scuola ripristina di nuovo il vincolo  quinquennale di Azzolina del 2019. (Legge 159/2019 art 1 comma 17 octies), vanificando due anni di lotta.

Ai vincolati 20/21, che hanno i requisiti, viene anche impedito il passaggio di cattedra e di ruolo in aggiunta ai trasferimenti territoriali e questo riduce le loro possibilità di mobilità 
Un’altra questione non risolta di non poco conto, non chiarita nell’OM 45 del 25.2.2022, riguarda l’anno di servizio (21/22) prestato in Assegnazione Provvisoria dai docenti neo immessi in ruolo nel 20/21, e cioè se tale annualità sia valida o meno ai fini del vincolo triennale per quei docenti vincolati e che non presentano domanda o non ottengono il trasferimento  il prossimo mese di maggio.

Infine aver richiamata la legge nel contratto della mobilità (comma 6 art.2)  rende ora ancora più arduo affrontare per via contrattuale il problema dei vincoli in sede di rinnovo del CCNI su Utilizzazioni e Assegnazioni Provvisorie 22/25.

Concludiamo come SBC dicendo che siamo preoccupati perché la “non  soluzione” CISL rischia di deresponsabilizzare la politica sull’abrogazione  tout court dei vincoli nella mobilità, in pratica disinnesca il problema e  questo è forse il risultato più grande non dei vincolati bensì dei ministeriali. 
Una sconfitta dei lavoratori e delle lavoratrici della scuola, una sconfitta dei sindacati, una vittoria del Ministero e del Ministro.

Scuola Bene Comune