Home Attualità Scuolabus in fiamme: è stato l’autista. Salvi per miracolo 51 studenti

Scuolabus in fiamme: è stato l’autista. Salvi per miracolo 51 studenti

CONDIVIDI

A San Donato Milanese, in provincia di Milano attimi di terrore: un 47enne di origini senegalesi ma con cittadinanza italiana da 17 anni, autista dello scuolabus che doveva accompagnare le due classi della scuola media Vailati di Crema in palestra, ha cambiato percorso imboccando la Provinciale 415, la Paullese e fermato il mezzo che stava guidando.

L’uomo, arrestato, voleva farla finita

In base a quanto riportato dalle persone a bordo – oltre a 51 studenti, c’erano anche tre accompagnatori adulti – a un certo punto l’uomo ha iniziato a urlare, mostrando una tanica di benzina e un accendino e dicendo – secondo una delle testimonianze da confermare – “Adesso andiamo in aeroporto”.

Icotea

L’autista, scrive Repubblica, ha fermato lo scuolabus che stava guidando, gridando: “Di qua non esce vivo nessuno”, poi ha dato fuoco al mezzo, ma per fortuna i carabinieri sono riusciti a far uscire tutti dal mezzo.

Al momento dell’arresto, alla domanda sulle motivazioni per il suo gesto, l’uomo ha legato il suo attacco alle «morti di migranti nel Mediterraneo».

E’ accaduto a San Donato Milanese: l’uomo, è stato arrestato. Al momento dell’arresto, alla domanda sulle motivazioni per il suo gesto, l’uomo ha legato il suo attacco alle «morti di migranti nel Mediterraneo».

Nessuno è rimasto seriamente ferito, ma 12 studenti sono stati portati in ospedale in codice verde per un principio di intossicazione e per escoriazioni. In ospedale anche due adulti: uno è in codice giallo. Anche l’autista fermato è stato portato in ospedale: è piantonato al Niguarda, avrebbe delle ustioni alle mani. Dalle prime ricostruzioni l’uomo, prima di incendiare il bus, avrebbe gridato: “Voglio farla finita, vanno fermate le morti nel Mediterraneo”.

L’autista si chiama Ousseynou Sy, senegalese di origine ma italiano dal 2004, con dei precedenti penali per guida in stato di ubriachezza e per un caso di violenza sessuale su minore. Ha una ex moglie italiana e due figli di 12 e 18 anni. Adesso è indagato per strage e sequestro di persona aggravato dalla minore età delle persone coinvolte.

Le parole del ministro Bussetti

Nel primo pomeriggio del 20 marzo, è intervenuto anche il ministro Bussetti, tramite un post su Facebook: L’episodio di San Donato Milanese è gravissimo e inquietante. Voglio esprimere la mia vicinanza ai ragazzi coinvolti e alle loro famiglie e un profondo ringraziamento alle forze dell’ordine che sono tempestivamente intervenute arrestando il colpevole. Ho attivato il Ministero e uno dei miei consiglieri per portare subito il massimo supporto”.