Home Sicurezza ed edilizia scolastica Scuole a rischio: la mappa interattiva per scoprirlo

Scuole a rischio: la mappa interattiva per scoprirlo

CONDIVIDI

“Sarebbero solo 534 le scuole edificate in conformità alle norme antisismiche in zone ad elevato rischio e poco meno di 2.000 gli edifici scolastici costruiti senza alcun rispetto delle norme antisismiche in zone ad elevato rischio terremoti”: lo scrive Il Sole 24 Ore basandosi sui dati Istat ma elaborando una mappa interattiva dentro la quale è possibile vedere le condizioni strutturali della propria scuola.

In ogni caso, come ormai siamo abituati a leggere, la maggior parte delle scuole insicure si trova in Sud Italia.

Icotea

“Il 75% circa di queste si trovano in territorio calabrese, dove Reggio di Calabria e Cosenza sono le città con il numero più alto, rispettivamente 514 e 396 istituti”.

 

{loadposition carta-docente}

 

“Di molto superiore il dato relativo alle zone con un rischio medio/alto, nelle quali sono 2.476 le sedi di scuole che garantiscono maggiori livelli di sicurezza, mentre  è preoccupante il confronto con i 10.201 istituti che risultano ancora sprovvisti di progettazione antisismica”.

Per quanto riguarda l’instabilità idrogeologica a rischio  il litorale tirrenico, tra Liguria e Toscana, e nelle regioni del Nord-Ovest (Piemonte e Lombardia). 

“Tuttavia il numero complessivo (1.251 scuole in tutto il Paese) non regge il confronto con gli oltre 21 mila istituti costruiti in zone a forte pericolo di terremoti ma a ridotto o nullo rischio idrogeologico.
Nel complesso gli edifici scolastici vetusti che si trovano in zone ad alto o medio rischio sismico e idrogeologico sono circa il 13% del totale.

Le scuole sottoposte a rischio sia sismico sia idrogeologico sono collocate soprattutto nelle zone centrali. Lazio (194), Sicilia (135) e Marche (116)