Home Attualità Scuole chiuse Lombardia dopo il 14 marzo? Fontana: non escludo nulla

Scuole chiuse Lombardia dopo il 14 marzo? Fontana: non escludo nulla

CONDIVIDI

In Lombardia sulle scuole chiuse anche dopo il 14 marzo il Governatore Fontana: “Non escludo nulla, non ci sbilanciamo. Valutiamo con cautela, con attenzione e con serietà la situazione”.

Il 14 marzo, infatti, scadrà l’ordinanza firmata dal Governatore, che prevede la zona arancione rafforzata e che stabilisce, tra le misure principali, la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado, a eccezione dei servizi per la prima infanzia (nidi e micro nidi). “L’evoluzione è talmente rapida – ha detto Fontana – che fare anticipazioni rischia di essere assolutamente fuori luogo. Si deve monitorare la situazione giorno dopo giorno, come stiamo facendo”.

Icotea

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook

Il comunicato della Regione Lombardia

Si legge sul comunicato della Regione Lombardia: Visti l’andamento della situazione epidemiologica sul territorio e le peculiarità del contesto sociale ed economico e considerato che la situazione epidemiologica presenta le condizioni di un rapido peggioramento con un’incidenza in crescita in tutti i territori della Lombardia, anche in relazione alle classi di età più giovani, è sospesa la didattica in presenza nelle istituzioni scolastiche primarie e secondarie di primo grado e secondo grado, nelle istituzioni formative professionali secondarie di secondo grado (IeFP), negli Istituti tecnici superiori (ITS) e nei percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) nonché nelle scuole dell’infanzia. Proseguono i servizi per la prima infanzia (nidi e micro nidi).

Naturalmente:

le attività di laboratorio sono garantite;
e resta salva la possibilità di svolgere attività in presenza in ragione di mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, secondo quanto previsto dal decreto del Ministro dell’Istruzione n. 89 del 7 agosto 2020 e dall’ordinanza del Ministro dell’Istruzione 134 del 9 ottobre 2020, garantendo comunque il collegamento on line con gli alunni della classe che sono in didattica a distanza.

Le proteste

Non mancano le proteste e i dissensi.

Di ieri 9 marzo 2021 una nota stampa di Maria Grazia Campese, Presidente di Spazio Aperto Servizi, aderente a Confcooperative Federsolidarietà: “Siamo molto preoccupati rispetto al tema della chiusura delle scuole in Lombardia. Su questo tema ci sembra che si stiano facendo dei passi indietro e il Paese non se lo può permettere. Stiamo scaricando un grande fardello sulle future generazioni. Se a questo aggiungiamo la totale mancanza di regole precise e chiare per tutelare le categorie dei lavoratori essenziali, rischiamo di imboccare una strada senza ritorno.”

E aggiunge: “Ci aspettiamo un piano per la riapertura delle scuole. La chiusura ha un impatto devastante sul piano economico e sociale: crea tensioni, aumenta la dispersione scolastica, amplifica il disagio in famiglie in difficoltà, incide pesantemente sulla parità di genere. E si potrebbero aggiungere molti altri effetti nefasti. Allora vanno valutate tutte le dimensioni quando si toccano leve così importanti della vita dei cittadini. Questo potrebbe aiutarci a definire le giuste priorità”.

LEGGI ANCHE