Home Politica scolastica Scuole nel caos: orario provvisorio ancora in molte scuole

Scuole nel caos: orario provvisorio ancora in molte scuole

CONDIVIDI
  • Credion

A lanciare l’allarme è il sindacato Cobas Piemonte che fornisce anche qualche dato.

Secondo il sindacato di base dopo più di un mese dall’inizio delle lezioni ci sono ancora scuole superiori con orario provvisorio (entrata alle 10 e uscita alle 12).
Per non parlare del fatto che in molte scuole primarie di Torino e provincia accade spesso che – a causa della assenza del docente titolare – gli alunni vengano divisi fra altre classi.
“Tutto questo – sottolineano i Cobas – comporta una grave lesione del diritto allo studio oltre che innegabili problemi di sicurezza”.
Per non parlare del fatto che mancano ancora all’appello non pochi insegnanti di sostegno: “Un vero e proprio schiaffo alla scuola dell’integrazione” denunciano sempre i  Cobas piemontesi che non tralasciano di segnalare che la stragrande maggioranza dei dirigenti scolastici sta interpretano in modo errato la nota ministeriale sulla questione delle nomine dei supplenti per il primo giorno di assenza.
Secondo i Cobas infatti (e per la verità anche a nostro parere, come abbiamo già scritto in precedenza) il divieto di nominare per il primo giorno non è affatto tassativo e ineludibile.
Sull’intera questione dal Miur sono già intervenuti più volte per sottolineare che con l’assegnazione alle scuole dei docenti dell’organico potenziato tutti questi problemi saranno risolti: può, ma il fatto è che l’organico potenziato arriverà probabilmente a dicembre inoltrato, e cioè tre mesi dopo l’inizio dell’anno scolastico.

Icotea