Home Didattica Sei un insegnante resiliente? 5 competenze che devi possedere

Sei un insegnante resiliente? 5 competenze che devi possedere

CONDIVIDI
webaccademia 2020
  1. La consapevolezza di sé. Conosci i tuoi punti di forza e di debolezza? Si tratta della prima qualità dell’insegnante resiliente.
  2. La comunicazione efficace. Riesci a relazionarti in modo positivo con gli alunni, con i colleghi, con il dirigente, con i genitori? Non vuol dire andare d’accordo con tutti, attenzione, anzi, vuol dire sapere esporre in modo adeguato anche perplessità e contrarietà.
  3. Il riconoscimento delle emozioni. Sai riconoscere le variazioni e le sfumature del tuo stato d’animo? E di quelle degli altri?
  4. La gestione delle emozioni. Sai agire in modo consapevole, attento, efficiente ed efficace in risposta alle emozioni tue e degli altri?
  5. La gestione dello stress. Sai riconoscere le cause di tensione e di stress della vita quotidiana e sai controllarle tramite cambiamenti nell’ambiente o nello stile di vita?

Non sono le uniche competenze che un insegnante resiliente deve possedere o sui cui deve lavorare per apprendere la resilienza, ma sono quelle da cui partire.

Una domanda frequente è: quanto la resilienza dipende dalle condizioni individuali? Quanto si può coltivare? Quanto dipende da un ambiente favorevole? Quanto può essere “insegnata” agli studenti? (VAI AL CORSO). Approfondiamo a partire dal significato esatto di resilienza e di insegnante resiliente.

Significato di resilienza

Il termine resilienza deriva dall’ambito fisico e fa riferimento alla capacità di certi materiali di assorbire un urto senza rompersi. Piegarsi senza spezzarsi. Due forme verbali riflessive che si prestano a essere metafora di un concetto molto meno fisico e più cognitivo, emotivo, psicologico. La psicologia fa proprio questo termine riferendolo a quelle situazioni drammatiche o traumatiche rispetto alle quali una persona riesce a restare in piedi, magari meno retta del solito, ma in piedi, nonostante il dolore e le difficoltà emotive. Piegata ma non spezzata.

ICOTEA_19_dentro articolo

Resilienza in ambito professionale

Ultimamente il termine è entrato a fare parte della nostra quotidianità anche rispetto alla situazione sanitaria del nostro Paese. Per dirne una, resiliente è quell’ospedale che riesce a convertire i posti letto di medicina ordinaria in reparti Covid, come abbiamo imparato a capire.

Tutti gli ambiti professionali sono investiti da fasi di stress per le quali diventa fondamentale lavorare sulla resilienza, smussare gli angoli e adattarsi alle circostanze e all’ambiente riducendo al minimo le conseguenze negative senza, per questo, snaturarsi come persone e come professionisti. In sintesi, la persona resiliente è colei o colui che sa riorganizzare la propria vita senza alienare la propria identità. Cambiare sì, ma senza stravolgersi. La psicanalisi opera molto su questo fronte, ma la resilienza si presta ad essere adottata in qualunque campo. 

Ora, l’esempio del sistema sanitario messo sotto pressione dal Covid non è casuale, perché l’emergenza epidemiologica ha avuto effetti non solo sugli ospedali. La scuola non è stata esente dal vento dell’ansia, della preoccupazione, dello stress; e ha dovuto riorganizzarsi da zero, dagli arredi alla didattica.

La DaD come esempio di resilienza

La didattica a distanza è un ottimo esempio di resilienza nel mondo della scuola. Laddove le aule fisiche hanno dovuto chiudere le porte per evitare il contagio, le aule virtuali si sono moltiplicate giorno dopo giorno, adeguando le tecnologie, le reti informatiche, le metodologie di lavoro, gli approcci con gli alunni, le abitudini quotidiane, al punto che la didattica a distanza, probabilmente, potrà essere usata anche domani, alla fine della pandemia, quando nuove esigenze, speriamo meno drammatiche, richiederanno una video-lezione alla quale un tempo non eravamo preparati. Insomma resilienza significa trasformare un punto di debolezza in un punto di forza, una criticità in un vantaggio. La scuola ha saputo fare tutto questo, mostrando una grande resilienza. Gli insegnanti, anche i più anziani, magari con l’aiuto di un docente più giovane o di un figlio, hanno messo completamente in discussione il proprio modo di fare didattica e hanno preso in mano un tablet o un pc, per conntettersi con i propri alunni e fare sentire loro che la scuola non molla. La scuola c’è. Anche e soprattutto nelle difficoltà. Mai il legame tra alunno e docente era stato così forte come lo è adesso.

L’insegnante resiliente

In sintesi, lavorare sulla resilienza è un obiettivo che anche l’insegnante deve e può porsi, perché sulla resilienza si può lavorare. Ci sono atteggiamenti mentali che la favoriscono e atteggiamenti mentali che le fanno da ostacolo; qualità che rendono le persone meno vulnerabili allo stress e un pensiero negativo che invece spinge ad annegare nello stress.

Quali fattori da nutrire, dunque, per favorire la resilienza, oltre alle competenze che abbiamo indicato in apertura? L’autostima, la volontà, la positività, la fiducia. Elementi da coltivare anche in classe, come qualità personali del docente e come atteggiamenti da indurre anche tra gli alunni.

Il corso

Per saperne di più vi segnaliamo il corso Insegnante resiliente, come affrontare al meglio le sfide della professione, della formatrice Claudia Matini, in programma dal 15 dicembre.

Preparazione concorso ordinario inglese