Home Sicurezza ed edilizia scolastica Semplici accorgimenti per ridurre il rischio non strutturale in una scuola

Semplici accorgimenti per ridurre il rischio non strutturale in una scuola

CONDIVIDI

Dopo il terremoto avvenuto in Abruzzo il 6 aprile 2009 si è sviluppato una copiosa produzione di norme antisismiche; di queste, vale la pena ricordare:

  • le linee guida predisposte dalla Protezione Civile per la riduzione della vulnerabilità di elementi non strutturali come arredi e impianti; un documento tecnico che contiene schemi adatti per mitigare il rischio derivante da scosse di terremoto, anche di lieve entità;
  • le linee guida predisposte nel 2009 dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici finalizzate al rilevamento della vulnerabilità degli elementi non strutturali nelle scuole.

Si ricorda che l’obbligo di un Dirigente scolastico è quello di intervenire per ridurre il rischio non strutturale attraverso i seguenti semplici accorgimenti:

Icotea
  • ancoraggio al muro di oggetti che possono cadere (armadi, librerie, scaffalature, …) mediante staffe ad L;
  • blocco di oggetti montati su ruote per impedirne il rotolamento;
  • sospensione a parete di oggetti oscillanti (quadri, cartine geografiche, lavagne) mediante occhielli ad anello chiuso;
  • conservazione di oggetti pesanti, fragili e/o pericolosi nei ripiani più bassi degli armadi o scaffalature;
  • apposizione di chiusure di sicurezza a tutte le ante degli armadi;
  • allontanamento di banchi, sedie, scrivanie da finestre o aperture non provviste di vetri di sicurezza, oppure da mensole spioventi.