Home Attualità Si sviluppa la mobilitazione dei docenti diplomati magistrali

Si sviluppa la mobilitazione dei docenti diplomati magistrali

CONDIVIDI
  • GUERINI

Venerdì 7 marzo ’14 a Bologna, Milano, Roma, Torino, Venezia la Cub Scuola e il Coordinamento Nazionale Diploma Magistrale organizzano presidi perché il Ministero dell’Istruzione applichi il recente parere del Consiglio di Stato che riconosce il fatto che le colleghe ed i colleghi diplomati magistrali sono abilitati all’insegnamento e non devono sottoporsi ai pletorici, costosi ed inutili Percorsi Abilitanti Speciali che tanto ricordano i percorsi di guerra imposti a reclute innocenti.
La Cub Scuola ed il Coordinamento Nazionale Diploma Magistrale hanno rivendicato e dopo il recente parere rivendicano con maggior forza un principio del diritto di assoluta evidenza e cioè il fatto che non si possono cambiare le regole del gioco in maniera arbitraria. 
Le colleghe ed i colleghi che hanno conseguito un titolo di studio che abilità all’insegnamento non possono essere retrocessi a non abilitati.
Si tratta ora di applicare la legge senza ulteriori ritardi, con questo presidio intendiamo quindi ricordare al Ministro quali sono gli obblighi al quale è tenuto.
Laddove prosegua l’attuale comportamento, ci vedremo costretti ad agire sia sul piano legale che su quello sindacale.
La Cub Scuola anche su questo tema ha indetto uno sciopero dei lavoratori e delle lavoratrici della scuola per l’11 aprile.