Home Sicurezza ed edilizia scolastica Sicurezza, proposte ANDIS sulla responsabilità dei Dirigenti scolastici

Sicurezza, proposte ANDIS sulla responsabilità dei Dirigenti scolastici

CONDIVIDI
  • Credion

L’ANDIS, Associazione Nazionale Dirigenti Scolastici, denuncia ancora una volta che la gestione della sicurezza nelle scuole, così come disciplinata dalle norme vigenti, configura in capo ai dirigenti scolastici un ingiusto gravame di responsabilità, che finisce per alimentare nella categoria sempre più diffusi sentimenti di frustrazione e di rabbia.

La stessa ANDIS, in un documento illustrato alle Commissioni riunite Cultura e Lavoro della Camera dei deputati, afferma che appare necessario e urgente un  intervento legislativo di modifica della normativa vigente e, in particolare, dell’articolo 18 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, rubricato «Obblighi del datore di  lavoro e del dirigente».

Icotea

 

{loadposition carta-docente}

 

Nel documento l’ANDIS auspica che il Parlamento voglia varare una disciplina chiara e univoca in cui venga sancito che:

  • i dirigenti scolastici sono sollevati da qualsiasi responsabilità qualora dimostrino di aver assolto con tempestività all’obbligo di richiesta all’ente proprietario degli interventi strutturali, di manutenzione e di messa in  sicurezza degli edifici;
  • la vigilanza spetta al dirigente scolastico solamente per i rischi attinenti all’attività scolastica;
  • la valutazione dei rischi strutturali degli edifici e l’individuazione delle misure necessarie a prevenirli ricadono nella responsabilità esclusiva dell’ente proprietario.

{loadposition facebook}