Home Politica scolastica Silvia Chimienti (M5S): Renzi e Giannini umiliano i docenti

Silvia Chimienti (M5S): Renzi e Giannini umiliano i docenti

CONDIVIDI

Il deputato piemontese del Movimento 5 Stelle Silvia Chimienti, scrive una lettera aperta ai docenti “umiliati” da Renzi.

La parlamentare pentastellata si riferisce in particolare ai docenti abilitati all’insegnamento e inseriti nelle graduatorie d’Istituto in II fascia. La sua lettera è stata pubblicata sul sito personale e rilanciata sul suo profilo facebook.
L’on. Chimienti racconta che l’altra sera, a Torino, ha incontrato una maestra, diplomata magistrale. Una persona eccezionale, competente, appassionata. Si vedeva dai suoi occhi. A fine serata, scrive Silvia Chimienti, è riuscita a parlare anche se solo per pochi minuti con questa maestra che le ha detto di non voler fare il concorso. Dietro di lei una bimba, avrà avuto 7 anni, la implorava di andare a casa perché era stanca. Un’immagine, spiega la deputata dei 5 Stelle che le ha stretto il cuore, e che raffigura tutti quei padri e quelle madri di famiglia, a cui Renzi e la Giannini stanno creando enormi problemi, umiliandoli e gettandoli nello sconforto.

Icotea

 

{loadposition bonus_1}

 
Cosa ha fatto il M5S per scongiurare il concorso a cattedra per i docenti già abilitati e inseriti nelle graduatorie d’Istituto? È una delle domande che viene posta alla deputata del Movimento dai diretti interessati, alla quale risponde così: “Siamo andati dalla Giannini, le ho personalmente consegnato la mia preposta di legge, pregandola di farla sua in quanto era nata dal reale confronto con tutte le categorie di precari durante due anni di dibattito. Le ho parlato per un’ora e mezza, spiegandole che l’unica soluzione equa e intelligente era l’immissione in ruolo anche da II fascia già da quest’anno e in base al fabbisogno reale delle scuole, con un anno di prova con valore concorsuale. Non ci ha ascoltato”.  

A chi chiede perché il M5S non denuncia in TV il concorso truffa, la Chimineti risponde: “Perché non ce lo lasciano fare e perché nei pochi spazi che abbiamo a disposizione dobbiamo parlare dei piccoli risparmiatori che si tolgono la vita e che hanno perso tutto grazie al padre della Boschi, dei 9 milioni di italiani che vivono sotto la soglia di povertà, dei pensionati che rovistano nei cassonetti. La propaganda di Renzi sulle assunzioni dei docenti è talmente forte che difficilmente riusciremmo a spiegare all’opinione pubblica perché questo concorso è una truffa”.
Una lettera quella dell’On. Silvia Chimienti che da una parte cerca di responsabilizzare i docenti a leggere meglio la realtà politica e dall’altra a rincuorarli del fatto che il M5S c’è e ci sarà sempre per difendere i diritti degli insegnanti. La lettera si chiude con questa rassicurazione: “Siete i docenti che hanno mandato avanti la scuola italiana. Non consentiremo a nessuno di buttarvi in un cassonetto”.

 

{loadposition facebook}