Home Politica scolastica Supplentite, un male inguaribile nonostante le assunzioni

Supplentite, un male inguaribile nonostante le assunzioni

CONDIVIDI

Nonostante le 52 mila nuove immissioni in ruolo del personale docente promesse per l’anno scolastico 2017/2018, ci saranno solamente circa 37 mila assunzioni effettive.

In buona sostanza si prevede che resteranno non assegnati circa 15 mila posti. Infatti alcune classi di concorso come matematica o per i posti di sostegno mancano gli aspiranti nelle graduatorie ad esaurimento e del concorso 2016. Dal sito nazionale della FLC CGIL apprendiamo che in particolare resteranno liberi almeno 10.000 posti di sostegno.

ICOTEA_19_dentro articolo

Per quanto suddetto e per tutte le problematiche che ogni anno si ripetono, anche per l’anno scolastico 2017/2018 si dovrà ricorrere a numerosissime supplenze annuali fino al 31 agosto o fino al 30 giugno. Soprattutto al nord e al centro ci sarà bisogno di attingere dalle graduatorie d’istituto di II e III fascia per le supplenze dei docenti.

In buona sostanza la promessa di Renzi e la Giannini di avere debellato la supplentite, si è rivelata, a distanza di due anni, inattuata.

I sindacati, vista la situazione dell’andamento delle assunzioni, hanno chiesto al Miur l’immediata apertura di un tavolo di confronto per ottenere la totale copertura dei 52.000 posti annunciati e per le immediate stabilizzazioni di educatori e Ata su tutti i posti.

 

{loadposition carta-docente}

{loadposition facebook}