Home Attualità Svezia, ondata di violenza nelle scuole locali: aggredite e uccise due insegnanti...

Svezia, ondata di violenza nelle scuole locali: aggredite e uccise due insegnanti a Malmö

CONDIVIDI

La tensione sociale impazza in un’Europa duramente messa alla prova dall’emergenza prima sanitaria, pandemica, di seguito divenuta economica e tutt’ora bellica, che getta l’intero continente e le rispettive istituzioni nella più totale incertezza non solo politica, ma anche sociale e psicologica dei cittadini, spesso esasperati da tali incresciose situazioni di crisi.  La Svezia, paese con canoni molto precisi teorizzati all’interno della gestione delle famiglie e nell’educazione dei figli, si macchia non raramente di stragi, eccidi o attacchi terroristici di frequente, almeno in questi ultimi, causati da individui che hanno iniziato il percorso della radicalizzazione religiosa o politica. Uno studente di Malmö, grande e strategico centro svedese sito dinanzi la costa danese, ha aggredito a morte due insegnanti in una scuola superiore locale, suscitando l’orrore ed il terrore anche delle forze di polizia e dei soccorritori sanitari che sono accorsi in loco. Le due vittime, entrambe donne sulla cinquantina, erano insegnanti della scuola “Latin” di Malmö, un istituto secondario di arti creative con oltre 1.000 studenti della terza città più grande della Svezia, ha reso noto la polizia in una conferenza stampa martedì scorso. 

La violenza e l’aggressione alle insegnanti: incomprensibili le motivazioni di tale atrocità

Il ragazzo è stato arrestato appena 10 minuti dopo che la polizia locale è stata allertata per la prima volta dell’aggressione senza opporre resistenza alcuna, ha detto il capo della polizia, Petra Stenkula. Secondo un articolo del quotidiano Aftonbladet, il presunto aggressore ha chiamato i servizi di emergenza per dire dove si trovava e che aveva deposto le armi, e ha confessato le uccisioni. La polizia è stata avvisata dell’attacco alle 17:12 ora locale (16:12 GMT) e una prima pattuglia è riuscita ad entrare nella scuola pochi minuti dopo. Le due vittime erano sdraiate sul pavimento nelle vicinanze, ha aggiunto il capo della polizia. Le due insegnanti sono stati portati in ospedale per le cure, ma la loro morte è stata annunciata più tardi in serata. Circa 50 studenti e insegnanti erano all’interno in quel momento e le riprese dei notiziari mostravano polizia pesantemente equipaggiata e armata che ispezionava l’interno dell’edificio. Secondo i media, il sospetto, il cui nome non è stato rivelato, era armato di coltello e ascia, sebbene la polizia non abbia  ancora confermato tale informazione. Stenkula ha detto che la polizia ha sequestrato “diverse armi che non sono armi da fuoco” sulla scena. Gli investigatori stanno ora cercando di determinare se il sospetto abbia preso di mira specificamente le sue vittime o le abbia scelte a caso e se avesse pianificato di attaccare più persone. “Non sappiamo ancora se avesse qualche legame con questi dipendenti”, ha detto Stenkula ai giornalisti. Lo studente “non ha precedenti penali”, ha detto, aggiungendo che la polizia stava esaminando il suo passato e i suoi movimenti prima dell’attacco. Gli investigatori stavano perquisendo la casa del sospetto nella vicina città di Trelleborg, ha aggiunto.

Icotea

Un fenomeno, quello delle violenze estreme, non rarissimo nelle scuole svedesi

Nella scuola superiore, che martedì è stata chiusa con l’associata bandiera svedese a mezz’asta, è stato istituito un gruppo di sostegno per insegnanti e studenti, hanno reso noto le autorità locali. “Tutti sono profondamente scioccati. Devastante”, ha detto all’AFP martedì un insegnante della scuola.. “È un crimine terribile; è impossibile accettare tutto ciò“, ha detto, stando fuori dalla scuola dove un gruppo di circa 20 studenti stava piangendo in preda al terrore. “È così triste che sia successo qui, nel luogo in cui io e molti altri studenti ci sentiamo più al sicuro. È una scuola calda e amorevole”, ha detto la studentessa di 18 anni Lydia Cronberg. “Non è più come prima… Sarà difficile tornare, fare una cerimonia commemorativa. Lo prenderemo un giorno alla volta“, ha detto. Gli attacchi alle scuole sono relativamente rari in Svezia, ma negli ultimi mesi si sono verificati numerosi incidenti gravi nelle scuole della Svezia meridionale. A gennaio, un sedicenne è stato arrestato dopo aver ferito con un coltello un altro studente e un insegnante in una scuola della cittadina di Kristianstad. Tale atto è stato collegato a un attacco con coltello simile nell’agosto 2021 nella città di Eslov, a circa 40 chilometri di distanza, quando un altro studente ha aggredito un impiegato scolastico di 45 anni. Non è stato stabilito alcun collegamento tra quei due eventi e l’attacco di Malmö. registrato martedì.