Home Attualità Teatro e audiovisivi a scuola accendono la curiosità degli alunni, Bianchi è...

Teatro e audiovisivi a scuola accendono la curiosità degli alunni, Bianchi è d’accordo

CONDIVIDI

Far diventare i linguaggi del teatro e dell’audiovisivo degli strumenti per innovare la didattica in aula e per sollecitare le ragazze e i ragazzi a partecipare di più in classe, a lavorare in gruppo, a sviluppare la capacità di risolvere problemi con la loro creatività, a parlare in pubblico: è l’obiettivo del progetto sperimentale “Uniti per la scuola”, avviato lo scorso novembre in dieci scuole di diverse città italiane, i cui risultati sono stati presentati il 7 giugno al Palazzo dell’Istruzione dal ministro Patrizio Bianchi insieme alle attrici Vittoria Puccini, Presidente di “U.N.I.T.A.”, e Paola Cortellesi.

I promotori dell’iniziativa

L’iniziativa di formazione è stata promossa dal Ministero dell’Istruzione, dal Ministero della Cultura, da “Alice nella Città”, dall’Accademia del Cinema Italiano-Premi David di Donatello e da U.N.I.T.A.- Unione Nazionale Interpreti Teatro e Audiovisivo, con la supervisione pedagogica del CPP, Centro PsicoPedagogico di Daniele Novara.

Icotea

Sono stati proprio gli studenti, i docenti e i formatori che hanno preso parte alla sperimentazione i protagonisti dell’evento conclusivo di oggi, raccontando la propria esperienza e le loro impressioni sul progetto. Con loro anche Piera Detassis, Presidente e Direttrice Artistica dell’Accademia del Cinema Italiano-Premi David di Donatello, Fabia Bettini, Direzione Artistica di “Alice nella Città”, e gli attori Carlotta NatoliGiorgio Marchesi e Chiara Tomarelli, membri del tavolo scuola di “U.N.I.T.A.”.

I ringraziamenti del ministro dell’Istruzione

“Il successo di questo progetto – ha dichiarato il Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi – dimostra che studentesse e studenti desiderano una scuola più affettuosa, di relazioni, in cui l’apprendimento arriva anche dallo scambio e dall’incontro con l’altro”.

Bianchi ha aggiunto che “dobbiamo offrire a ragazze e ragazzi opportunità e metodologie didattiche innovative in grado di accendere la loro curiosità, la loro partecipazione, la creatività, che li mettano al centro e li accompagnino nella scoperta di sé. Voglio ringraziare le attrici e gli attori che si sono messi a disposizione dei nostri giovani, facendo un lavoro straordinario: è un atto di condivisione di responsabilità che sta dando frutto”.

L’iniziativa del 2021/22

La prima edizione di “Uniti per la scuola”, che si è conclusa lo scorso 31 maggio, ha coinvolto 10 scuole di ogni grado e oltre 300 studentesse e studenti.

Nello specifico gli istituti partecipanti sono stati: il Liceo Statale “Don Lorenzo Milani” di Napoli; il Liceo Scientifico “Enrico Fermi” di Bologna; il Liceo Artistico-IISS “Nicola Garrone” di Barletta (BT); il Liceo Artistico “A. Caravillani” di Roma; l’Istituto Comprensivo “D. R. Chiodi” di Roma; l’Istituto Comprensivo Ardea 1 di Ardea (RM); l’Istituto “Marco Polo” di Firenze; l’I.I.S.”Leonardo Da Vinci” di Firenze; il Liceo “Giulio Casiraghi” di Cinisello Balsamo (MI) e l’Istituto Comprensivo 1 Pescantina (VR).

Obiettivi e risposte dei partecipanti

Obiettivo della sperimentazione: utilizzare in aula tecniche e metodologie che caratterizzano il lavoro del cinema e del teatro e farne preziose alleate per una didattica sempre più innovativa. In altre parole, il progetto ha proposto una metodologia, da usare in maniera interdisciplinare, che mette lo studente al centro e mira ad attivare le risorse creative di ciascuna e ciascuno.

Positive le risposte dei partecipanti: in molti hanno sottolineato il cambiamento del clima in classe, più orientato, grazie al percorso sperimentale, alla collaborazione e alla condivisione. Studentesse e studenti hanno dichiarato di avere avuto la possibilità di esprimersi maggiormente e meglio in un contesto in cui si sentivano meno preoccupati del giudizio esterno, acquistando di conseguenza maggiore fiducia in sé.

iscriviti

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook