Home Attualità Terrorismo, pacifisti italiani: il 10 dicembre Giornata di riflessione

Terrorismo, pacifisti italiani: il 10 dicembre Giornata di riflessione

CONDIVIDI
  • Credion

Trasformare l’anniversario della ‘Dichiarazione universale dei diritti umani’ del 10 dicembre in una Giornata di riflessione, solidarietà e impegno sul tema della pace.

Ma anche contro il terrorismo, le armi e la violenza. La proposta arriva, a pochi giorni dalle stragi di Parigi, da numerose organizzazioni pacifiste italiane, quali sono la Tavola della pace, la Rete della Perugi-Assisi e il Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani.

Icotea

 

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

 

La Dichiarazione approvata all’Onu nel 1948 – sottolineano in una nota le associazioni pacifiste – è stata scritta “da un gruppo di donne e uomini che volevano dire ‘basta’ a tutti gli atti di barbarie provocati dalla guerra e dal disprezzo dei diritti umani. Erano sopravvissuti alla seconda guerra mondiale e avevano il desiderio che non ci fossero più guerre, distruzioni, massacri”.

“I diritti umani costituiscono il nucleo centrale della legalità in un mondo che ha urgente bisogno di essere governato in modo umanamente ed ecologicamente sostenibile. Essi sono la bussola legale, politica, morale per fronteggiare le grandi crisi planetarie che stanno colpendo centinaia di milioni di persone e minacciano la sopravvivenza dell’intera umanità” sottolineano i pacifisti, che invitano tutti ad organizzare il 10 dicembre in ogni città, in ogni scuola, in ogni luogo di lavoro un incontro per riflettere su quello che sta accadendo a partire dai diritti umani.

L’anniversario, comunque, non servirebbe a riflettere solo sui dolorosissimi attentati di venerdì scorso a Parigi, ma anche a ricordare altre recenti stragi, come quelle compiute a Beirut e Bagdad. 

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola