Home La Tecnica consiglia Trascorrere un anno di scuola superiore all’estero, consigli utili su come funziona...

Trascorrere un anno di scuola superiore all’estero, consigli utili su come funziona e come iscriversi

CONDIVIDI

Grazie alla nota ministeriale sulla mobilità studentesca nr.10 del  2013 e precedenti, il Miur autorizza gli studenti delle scuole medie e superiori a trascorrere un periodo di studio all’estero durante l’anno scolastico, pienamente riconosciuto.

 

Questo vuol dire che per chi vuole partecipare ad un anno scolastico all’estero, o ad un semestre o trimestre di scuola, si aprono ampie possibilità di scelta del periodo in cui partire, del Paese ospitante da scegliere, e del tipo di percorso di studi, in termini di materie, sport e attività, da svolgere all’estero.

ICOTEA_19_dentro articolo

 

Andiamo con ordine. Ecco i passaggi principali per iscriversi.

 

Lo studente interessato, solitamente con una buona media scolastica almeno pari al 6 e mezzo in pagella, e con un livello intermedio di conoscenza della lingua straniera del Paese in cui vorrà andare a studiare, può contattare una delle associazioni specializzate nel settore, come per esempio annoallestero.it di New Lands srl, per valutare le condizioni di partecipazione, i costi e partecipare solitamente ad una prova di selezione.

Con annoallestero.it, solitamente si tratta di un colloquio informativo con studente e genitori, e un colloquio di selezione linguistico ed attitudinale con lo studente. Ad essi si aggiungono un test scritto per chi desidera studiare negli Stati Uniti, e alcuni test scritti per chi sceglie l’opzione boarding school inglese, per soggiornare in college anziché in famiglia.

Una volta iscritti al programma all’estero, verrà emesso un documento che conferma l’iscrizione dello studente, che verrà consegnato dai genitori alla segreteria della scuola, la quale potrà decidere anche se far sottoscrivere allo studente un Patto formativo.

Al rientro dall’estero, lo studente rientra nel proprio anno di competenza, senza bocciature e senza perdere l’anno, ma ovviamente dovrà dimostrare di aver recuperato il programma delle materie non studiate all’estero secondo i contenuti italiani. Le modalità vengono concordate con il consiglio di classe della scuola.

I Paesi tra cui scegliere sono molteplici, i più popolari sono senza dubbio Inghilterra e Stati Uniti, seguiti da Irlanda e Australia (specialmente perché permette di frequentare una scuola superiore australiana in estate), e il Canada, che sta acquistando popolarità in anni recenti, data l’ottima qualità delle scuole e l’accoglienza riservata da studenti locali e famiglie. Questo per la lingua inglese.

Per le altre lingue straniere, preferite da chi ha già un buon livello di inglese, o per chi magari frequenta una scuola superiore con sistema Esabac o i licei internazionali con spagnolo, francese o cinese, è possibile optare per la scuola all’estero in Francia, Spagna o Germania.  Ovviamente le esperienze di studio all’estero sono aperte a studenti di qualunque scuola superiore italiana, indipendentemente dall’indirizzo frequentato in Italia.

Diversamente da quanto si pensa, non è necessario aspettare il quarto anno di scuola per andare all’estero. E’ possibile partire anche al secondo o terzo anno di liceo, o in alcuni casi anche durante la scuola media, ovviamente facendo attenzione ai passaggi scolastici italiani principali, ovvero la licenza media e il diploma di maturità, nei cui anni corrispondenti si sconsiglia di fare l’esperienza della mobilità all’estero. 

Si può generalmente partire dai 14 anni in su, fino a 18 anni massimo, ma diversi Paesi appunto permettono iscrizione anche dai 7 anni in su, ed è possibile optare per una scuola all’estero pubblica o privata, e per un alloggio in famiglia o in college, secondo le esigenze familiari e il budget di spesa previsto.

Ci sono anche delle mini-borse di studio, ovvero riduzioni per studenti meritevoli fino a €500 per chi ha avuto una media almeno dell’8 negli anni precedenti, per premiare gli studenti che si impegnano maggiormente e con profitto a scuola in Italia. Inoltre, in occasione dei bandi annuali Inps Itaca, i programmi sono anche idonei alla partecipazione per la richiesta delle borse di studio integrali.

Infine, per chi desidera tracciare la strada del proprio percorso di studi futuro all’estero, già dalla scuola superiore, è possibile trascorrere all’estero più di un anno consecutivo di scuola superiore, e diplomarsi all’estero, conseguendo il diploma americano o canadese di high school, quello internazionale Ib, o il diploma inglese a level o di altri Paesi.

 

Quando bisogna iscriversi quindi se si è interessati?

 

Per chi vuole partire a settembre 2017, si fa ancora in tempo a partecipare alle selezioni, ma le iscrizioni sono in fase di chiusura, tra marzo ed aprile, quindi gli studenti interessati sono invitati a contattare www.annoallestero.it per informazioni e per prenotare la propria prova di selezione al più presto, o anche solo per consigli sul percorso più adatto al proprio futuro e aspettative. 

 

Pubbliredazionale