Home Archivio storico 1998-2013 Attività parlamentare Ugl: nel Decreto Scuola dimenticate le risorse per il rinnovo del contratto...

Ugl: nel Decreto Scuola dimenticate le risorse per il rinnovo del contratto e le assunzioni Ata

CONDIVIDI
  • Credion
“Il decreto sulla scuola va nella giusta direzione, ma restano ancora questioni irrisolte a partire da tutte quelle problematiche legate al reclutamento del personale, nonché allo stanziamento delle risorse economiche destinate alle istituzioni scolastiche”. Così l’Ugl Scuola si è espresso nel corso dell’audizione presso la Commissione Cultura, Scienza e Istruzione della Camera nell’ambito dell’esame del disegno di legge C. 1574 , di conversione in legge del decreto-legge n. 104 del 2013, recante disposizioni urgenti in materia di istruzione, università e ricerca.
“Misure come la riduzione del costo dei libri, la possibilità di concedere in comodato d’uso i testi o di utilizzare le edizioni precedenti, l’introduzione di contributi e benefici grazie al welfare dello studente e la digitalizzazione degli istituti scolastici, vanno nella giusta direzione, ovvero quella di valorizzare un settore strategicamente importante come quello della scuola, oltre ad essere un valido contributo al contenimento del fenomeno della dispersione scolastica. In merito però al piano triennale che prevede l’assunzione di 69 mila insegnanti – prosegue l’Ugl – sono necessari ulteriori chiarimenti, in particolar modo per quanto riguarda la tempistica e le modalità di attuazione. Ci dispiace inoltre constatare che non ci sia alcun riferimento al rinnovo del contratto nazionale”.
“Pur valutando positivamente il via libera all’assunzione a tempo indeterminato di oltre 26 mila insegnanti di sostegno, è necessario allo stesso tempo prevedere tempi celeri per la stabilizzazione del personale Ata. Del resto, occorre tener presente che la riduzione degli organici ha notevolmente aumentato i carichi di lavoro del personale Ata, che si trova, troppo spesso, a non poter far fronte alle esigenze delle istituzioni scolastiche. Resta prioritaria la copertura di tutti i posti vacanti in organico di diritto,con decorrenza immediata, senza dimenticare inoltre l’urgenza di un piano pluriennale di investimenti e di un serio progetto di snellimento delle procedure informatizzate delle scuole”.
Più di un rappresentante del Governo ha fatto capire che va colto, nel provvedimento, uno sforzo a cambiare direzione: dopo i tagli degli ultimi sei-sette anni si sarebbe voltato pagina. Anche il Capo dello Stato ne ha parlato durante il suo intervento al Quirinale, in occasione dell’avvio del nuovo anno scolastico. Ma rimangono diversi “buchi” da colmare. Anche perché di danni ne sono stati fatti tanti. L’Anief ha colto l’occasione, commentando positivamente le parole di Napolitano, di ricordare che “a partire dal 2006 l’istruzione pubblica italiana è stata privata di 200mila posti, che corrispondono a 1 docente e Ata ogni 12 di ruolo e addirittura a 1 dirigente scolastico o Dsga ogni 4 in pianta stabile. Il sindacato lo aveva denunciato un anno fa, mettendo a confronto il numero degli aventi diritto al voto delle Rsu scelte nel 2006 nelle scuole (oltre 1 milione e 200mila) con quelli dello scorso anno, quando la quantità di votanti crollò ad appena 1 milione. Secondo Marcello Pacifico, presidente Anief e segretario organizzativo Confedir, “quanto detto dal Presidente della Repubblica rappresenta dunque una resa dei conti, un’ammissione, su un’opera di abbattimento degli organici che nessun’altra amministrazione pubblica ha subìto. Con conseguenze che i nostri ragazzi stanno pagando quotidianamente attraverso un’offerta formativa ridotta e inadeguata”.