Home I lettori ci scrivono Un anno di scuole e università chiuse: quali le priorità del Governo?

Un anno di scuole e università chiuse: quali le priorità del Governo?

CONDIVIDI

A partire dal 5 marzo 2020, le studentesse e gli studenti di tutto il Paese hanno smesso di frequentare come prima le scuole e le università: dapprima una chiusura totale fino a settembre, poi un’apertura parziale e saltuaria. 

“Nessuno immaginava che a distanza di un anno più della metà degli studenti e delle studentesse del Paese ancora non possono andare a scuola in presenza. In quest’ultimo anno abbiamo vissuto le lezioni in DAD, la mancanza del contatto con le nostre compagne e compagni di scuola, il non poter vivere la socialità, le conseguenti difficoltà psicologiche, un esame della maturità tutto diverso” spiegano gli studenti dell’Unione degli Studenti. 

Icotea

“Durante quest’ultimo anno abbiamo lottato e chiesto una maggior attenzione alla scuola: garantire realmente il diritto allo studio a fronte di un rischio di abbandono scolastico di 34mila studenti (fonte: ipsos-Save the Children), fornire supporto psicologico alle studentesse e studenti che molto hanno sofferto durante questo ultimo anno, un rientro in sicurezza attraverso investimenti sui trasporti locali e l’edilizia scolastica” continuano.

“Non diversa è la situazione delle Università” aggiungono gli studenti universitari di Link – Coordinamento Universitario. “Da ormai un anno le studentesse e gli studenti non possono tornare a fare lezione in presenza e, per ogni nuovo decreto, le Università, come le scuole, sono le prime a chiudere. Didattica a distanza, investimenti insufficienti per colmare il digital divide e per estendere le borse di studio, pochi posti in residenza universitaria sono le maggiori difficoltà che hanno vissuto le studentesse e gli studenti universitari in questi mesi, che per molti ha comportato un forte ritardo nel completamento degli studi”.

“In questi mesi si sarebbe potuto fare per scuole e Università, mettendo tutte le risorse necessarie per garantire un rientro in sicurezza e per ripensare la didattica, rendendola più inclusiva, interattiva e critica. La verità è che la scuola e l’Università non sono una reale priorità per i Governi, sono infatti sempre state le prime a chiudere e le ultime a riaprire e a distanza di un anno siamo ancora punto a campo, con poche certezze e tanta confusione. Crediamo sia inaccettabile una linea politica di questo tipo: serve invertire la rotta subito, abbiamo aspettato un anno ed è troppo” concludono gli studenti di Unione degli Studenti e Link – Coordinamento Universitario.