Home I lettori ci scrivono Una brutta risposta, ma…

Una brutta risposta, ma…

CONDIVIDI

 

Giannini ha risposto al sindaco di Forte dei Marmi, che le aveva chiesto di “dare fiato” al turismo, prolungando la chiusura delle scuole. Ecco l’ultima parte della sua replica: La richiesta “potrebbe entrare in contrasto con gli impegni delle famiglie, nostre vere interlocutrici, dove spesso entrambi i genitori sono impegnati al lavoro”. Finalmente è ufficializzata la vera funzione della scuola: sostenere la famiglia, accudendo gli alunni ( penso soprattutto a quelli frequentanti la scuola primaria e secondaria di primo grado ) per sei-otto ore. Insomma noi insegnanti siamo babysitter, badanti! Questa profilo troppo indigesto per noi, viene camuffato da trovate didattiche alcune tradizionali come programmazione valutazione, altre più moderne come i Bes, i Dsa.

Mi sarei aspettato dal Ministro dell’istruzione una risposta più pedagogica del tipo: “La richiesta non può essere accolta perché i nostri ragazzi dopo tre mesi hanno bisogno di apprendimenti più organizzati e sistematici, finalizzati alla promozione della persona…” E invece, il Ministro ci regala una “rispostaccia”, ma indicativa della considerazione degli insegnanti, i quali non hanno bisogno di essere sostenuti con strumenti culturali, risorse e strutture per conseguire l’obiettivo sociale (l’unico?) chiesto dall’utenza: accudire gli alunni!

Icotea