Home Archivio storico 1998-2013 Generico Una legge “salva presidi”

Una legge “salva presidi”

CONDIVIDI
  • Credion

Oggi, martedì 21 settembre, alle ore 10, in viale Trastevere, Roma – si svolgerà una manifestazione, organizzata dai presidi siciliani vincitori del corso-concorso ordinario del 2004, per sollecitare il Ministero a supportare il provvedimento bipartisan che verrà discusso proprio martedì alla Camera e che consentirebbe ai 426 vincitori del concorso di sostenere una prova scritta sull’esperienza maturata negli ultimi anni di servizio; agli idonei non ancora assunti, di effettuare una prova scritta su un argomento trattato nel corso già frequentato; e ai ricorrenti, di vedere ricorretti i vecchi compiti dalla nuova Commissione e, in caso di superamento, di aver diritto alla prova orale. 

"Chiediamo, una volta per tutte, una risoluzione chiara e definitiva della vicenda che ci travolge senza garanzie costituzionali – spiegano i rappresentanti del Coordinamento regionale – e che vede contrapporsi due linee interpretative diametralmente opposte, risultato delle sentenze contrastanti del Consiglio di Stato e del Cga Sicilia. Chiediamo un provvedimento legislativo che tenga conto degli interessi delle diverse parti coinvolte nella vicenda, senza danneggiare la scuola siciliana e coloro che hanno affrontato e superato un concorso, esercitando l’incarico di dirigente scolastico per tre anni".

Icotea