Home I lettori ci scrivono Una poesia “ribelle” sugli esami di terza media

Una poesia “ribelle” sugli esami di terza media

CONDIVIDI

Un’ alunna “rodariana” di terza media ha realizzato dei versi divertenti e un po’ irriverenti (ma ironici) dopo aver conosciuto i primi contenuti della bozza della direttiva ministeriale in merito all’esame (o non esame) conclusivo del primo ciclo di studi.

VERSO L’ESAME

Icotea

Cara Ministra Azzolina,

mi sento impacciata a dir questo,

anche se è bella come una modellina

mi sento in dover di esser modesto.

Perché vuol così tanto male

a noi che studiamo e sudiamo

sin dal primo giorno autunnale?

Siam sempre stati contenti

e allegri di esser i “suoi” studenti.

Guidarci le abbiam lasciato fare,

ma ora dobbiamo lasciarla e scappare.

E con la sua aria sbarazzina

noi non la vogliamo più Azzolina.

Ha preso in giro noi studenti della scuola,

guardi, ci ha fatto una bella sola!

A.P.

“Un’alunna rodariana”