Home I lettori ci scrivono Una poesia “ribelle” sugli esami di terza media

Una poesia “ribelle” sugli esami di terza media

CONDIVIDI
  • Credion

Un’ alunna “rodariana” di terza media ha realizzato dei versi divertenti e un po’ irriverenti (ma ironici) dopo aver conosciuto i primi contenuti della bozza della direttiva ministeriale in merito all’esame (o non esame) conclusivo del primo ciclo di studi.

VERSO L’ESAME

Icotea

Cara Ministra Azzolina,

mi sento impacciata a dir questo,

anche se è bella come una modellina

mi sento in dover di esser modesto.

Perché vuol così tanto male

a noi che studiamo e sudiamo

sin dal primo giorno autunnale?

Siam sempre stati contenti

e allegri di esser i “suoi” studenti.

Guidarci le abbiam lasciato fare,

ma ora dobbiamo lasciarla e scappare.

E con la sua aria sbarazzina

noi non la vogliamo più Azzolina.

Ha preso in giro noi studenti della scuola,

guardi, ci ha fatto una bella sola!

A.P.

“Un’alunna rodariana”