Home Archivio storico 1998-2013 Generico Una società norvegese si aggiudica l’XI edizione dell’Internetional award per la “lavagna...

Una società norvegese si aggiudica l’XI edizione dell’Internetional award per la “lavagna mobile interattiva”

CONDIVIDI
  • Credion

Nell’ambito dell’undicesima edizione del Pirelli Internetional Award (www.pirelliaward.com) il primo concorso internazionale dedicato alla comunicazione scientifica e tecnologica gestito interamente su Internet, ha premiato la start-up norvegese “New Index”(http://www.newindex.no/), per la realizzazione di un video che illustra la loro ultima invenzione: la “lavagna mobile interattiva”; una speciale penna in gradodi scrivere, disegnare, colorare e cancellare su una lavagna, dotata di un sensore che dialoga con un videoproiettore e un personal computer. Ai vincitori è andato il Top Pirelli Prize, il principale premiodel valore complessivo di 25.000 euroe scelto fra i primi di ogni categoria. 
Questo progetto è stato anche giudicato come miglior prodotto per la comunicazione multimediale nel campo ICT

Dopo la valutazione complessiva di circa un migliaio di candidature provenienti da tutto il mondo da parte dellagiuria internazionale, il Pirelli Award per la comunicazione della Fisica, del valore di 15.000 euro, è stato assegnato al Chandra X-ray Observatory per “How Chandra Does What It Does” (http://chandra.harvard.edu/resources/podcasts). 
Questo lavoro è il primo di una serie di video-podcast che illustrano al pubblico le missioni e i risultati del telescopio spaziale Chandra, in orbita dal luglio 1999 per studiare i raggi X delle regioni ad alta energia dell’universo.
 
Il premio per la Chimica, è stato assegnato a “Chemistry Comes Alive!” (http://jchemed.chem.wisc.edu/jcesoft/cca/CCA0/SAMPMOVS.HTM), un archivio di circa duemila video-esperimenti di chimica pubblicati dal Journal of Chemical Education Software. Questo progetto, che ha vinto un premio di 15.000 euro, è stato realizzato e prodotto con il contributo della National Science Foundation e si propone come supporto innovativo alla didattica della chimica per le scuole e le università. 
Il Pirelli Award per la categoria Matematica è stato assegnato a David Gale dell’Università di Berkeleyche ha presentato il suo “Math Site” (http://mathsite.math.berkeley.edu/main.html), un prodotto multimediale che fa conoscere al grande pubblico teorie, applicazioni e curiosità di matematica attraverso esperimenti, puzzle e giochi interattivi. 
Questo lavoro ha vinto un premiodi 15.000 euro.
 
Per le Scienze della Vita, il premio di 15.000 euroè stato consegnato all’Università di Cincinnatiper “Reproductive Physiology Learning Modules” (http://www.aitl.uc.edu/itc/ReproPhys/), un sistema di e-learning che, attraverso 64 animazioni, descrive l’apparato riproduttivo maschile e femminile. 
Il prodotto multimediale è suddiviso in unità didattiche ed è introdotto da video che illustrano le diverse sezioni.
Per il Premio Pirelli per l’Italia, riservato a progetti di autori italiani, havinto la Fedrico MottaEditorecon il prodotto multimediale “La Bussola della conoscenza” (http://www.mottaeditore.it/home.php?_idnodo=837), che introduce gli studenti e i docenti della scuola primaria e secondaria alla teoria evoluzionistica di Charles Darwin, attraverso un viaggio virtuale che ripercorre idealmente quello compiuto in Sudamerica dal grande scienziato inglese nel 1831.Al progetto è andato un premio di 10.000 euro.
Infine, per la sua alta valenza sociale,è stata assegnata una menzione d’onore dalla Giuria a “Pips – Personalized Information Platform for Life and Health Services” dell’Istituto San Raffaele di Milano, per la presentazione multimediale di un progetto nel campo delle scienze della vita, che consente ai pazienti di avere una costante assistenza medica attraverso le nuove tecnologie.
La cerimonia si è svolta a Roma, nella cornice del Tempio di Adriano, presentata dal conduttore TV Carlo Massarini e alla quale hanno partecipato: Antonio Calabrò, Direttore degli Affari Istituzionali e delle Relazioni Esterne di Pirelli; Stefano Rolando, in rappresentanza dell’UNESCO-BRESCE e Roberto Vacca in rappresentanza della giuria del premio.