Home Politica scolastica Unicobas: “Il vero sciopero unitario è quello del 12 maggio”

Unicobas: “Il vero sciopero unitario è quello del 12 maggio”

CONDIVIDI
  • Credion

“Il vero sciopero unitario è quello del 12 maggio, confederali e Snals stanno dividendo la categoria”: lo dice Stefano d’Errico, segretario nazionale Unicobas.

“Il prossimo 12 maggio – ricorda l’Unicobas – il sindacalismo di base sciopererà per bloccare i vergognosi quiz Invalsi in tutte le scuole superiori, mentre confederali e Snals si limitano a scegliere una data neustra e ininfluente per uno sciopero autistico”.

Icotea

D’Errico attacca: “Cgil, Cisl, Uil e Snals confermano la solita ‘regola’: i loro scioperi sono sempre decisi obtorto collo ma, siccome devono ‘distinguersi’, non sono mai unitari. I loro scioperi vengono proclamati sempre dopo quelli del sindacalismo di base, come lo scorso anno, quando, senza lo sciopero del 24 aprile dell’Unicobas non avrebbero messo in piazza neppure la scadenza plebiscitaria del 5 Maggio (confluendo su una data già decisa dai Cobas), neppure a fronte di una controriforma epocale di Renzi”.

“Invece di proporre uno sciopero che divide la categoria – aggiunge d’Errico – avrebbero potuto (doverosamente) potenziare la data comune del 12 maggio, come Cobas, Unicobas e Gilda auspicavano e chiedevano da un mese. Ma il lavoro di divisione di confederali e Snals va persino al di là della decenza: sappiamo che per il giorno 12 sono già state convocate assemblee sindacali territoriali, con l’evidente e ridicolo tentativo di eivtare che docenti e Ata aderiscano al nostro sciopero, cercando di convincerli ad accettare la farsa degli albi territoriali e del bonus premiale”.

Ovviamente in ballo non c’è solo la questione delle prove Invalsi.
I problemi sul tappeto sono molti: si va dal rinnovo contrattuale fino alle disposizioni della legge 107 considerate particolarmente invasive (sparizione per tutti della titolarità di istituto a partire dal prossimo anno, disparità di trattamento fra i neo-assunti, ambiti territoriali, chiamata diretta dei docenti e ‘bonus’ premiale innanzitutto).

In occasione dello sciopero del 12 maggio è prevista anche una manifestazione davanti alla sede del Ministero, con inizio alle ore 9,30.