Home Archivio storico 1998-2013 Generico Università: inquadramento di professori e ricercatori nei nuovi settori concorsuali

Università: inquadramento di professori e ricercatori nei nuovi settori concorsuali

CONDIVIDI
  • Credion
Il decreto è corredato di due allegati: l’allegato A riporta l’elenco dei macrosettori e settori concorsuali e delle corrispondenze tra i settori concorsuali e i settori scientifico-disciplinari di cui al decreto ministeriale 4 ottobre 2000, mentre l’allegato B contiene le declaratorie dei settori concorsuali.
Per i settori concorsuali per i quali è prevista la corrispondenza univoca con uno dei settori scientifico-disciplinari di cui al decreto ministeriale 4 ottobre 2000, il Rettore provvede all’inquadramento dei professori di I e II fascia e dei ricercatori nei settori concorsuali con appositi decreti ricognitivi. Per i settori concorsuali per i quali la corrispondenza, invece, non è univoca, l’inquadramento è disposto a domanda dell’interessato da presentare al Rettore, tramite apposita procedura informatizzata, entro 30 giorni dalla data di pubblicazione del decreto in Gazzetta ufficiale. In caso di mancata presentazione della domanda, il rettore dispone l’inquadramento. Tutti i decreti di inquadramento devono, comunque, essere adottati entro 60 giorni a far data dal 1° settembre 2011.
Infine, sempre a decorrere dal 1° settembre, i passaggi da un settore concorsuale ad un altro, ovvero da un settore scientifico-disciplinare ad un altro possono essere disposti solo successivamente ai provvedimenti di reinquadramento di cui sopra. La richiesta di passaggio da un settore concorsuale ad un altro deve essere corredata da quella di passaggio ad un settore scientifico-disciplinare ricompreso nel settore concorsuale nel quale si richiede di essere inquadrati. I relativi provvedimenti sono adottati con decreto del rettore, previa acquisizione del parere del Cun (che ha 45 giorni di tempo dal ricevimento della richiesta), motivando l’eventuale difformità.