Home Estero Usa, emergenza morbillo

Usa, emergenza morbillo

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Sembra infatti, secondo quanto riporta La Stampa,  che la maggior parte delle persone risultate positive alla malattia provenga dalla California, bambini soprattutto, frequentatori del parco di divertimenti più famoso al mondo. In preponderanza si tratta di soggetti che non sono stati sottoposti alla vaccinazione Mmr, ovvero il siero contro morbillo, orecchioni e rosolia, e quindi più esposti al contagio. Ciò ha contribuito a diffondere una malattia che sembrava definitivamente debellata negli States già nel 2000, al contrario di quanto accade in alcune zone della Terra, assai depresse, dove persiste da decenni come patologia diffusa.

 

{loadposition eb-clil-1}

ICOTEA_19_dentro articolo

 

Solo nel 2014 i casi di contagio in Usa hanno registrato un’impennata a quota 644, contro la media di poco più di un centinaio registrata negli ultimi tre lustri. Un vero e proprio salto indietro nella storia, un fenomeno dovuto alla «negligenza» di alcuni genitori che ottengono esenzioni ad personam dall’obbligo di vaccinare i propri figli al momento dell’iscrizione a scuola. In parte perché alcune famiglie sono convinte che tali rimedi preventivi possano causare forme di autismo, ipotesi peraltro screditata da recenti studi, tengono a precisare diversi esperti.

Secondo gli esperti, in ogni caso, ad innescare l’epidemia sarebbero state alcune persone provenienti dall’estero che già avevano contratto il virus. Essendo Disneyland una delle mete turistiche più visitate degli Usa e del mondo, è un ottimale diffusore di malattie, specie per la presenza di un elevato numero di bambini troppo piccoli per essere vaccinati, o di mamme incinte che non possono sottoporsi alla profilassi. Così da Disneyland, il virus si è propagato verso l’esterno, contagiando anche 5 dipendenti del parco. Per far fronte alla crisi, ai non vaccinati è stato chiesto di non avvicinarsi al parco, mentre il personale senza vaccino è stato messo in ferie pagate. In alcune scuole californiane si è chiesto di far rimanere a casa i bambini a rischio per tre settimane, periodo di incubazione della malattia. In alcuni casi si è arrivati all’isolamento, come per 30 bimbi di Alameda County, il che ha sollevato molte proteste.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese