Home Sicurezza ed edilizia scolastica Utilizzo delle fonti energetiche alternative nelle scuole

Utilizzo delle fonti energetiche alternative nelle scuole

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Secondo i dati della XVI Edizione di Ecosistema scuola nelle scuole italiane gli impianti maggiormente utilizzati sono i pannelli fotovoltaici (71%) e i solari termici (23,4%).
Cresce la percentuale di edifici che utilizzano mix di fonti rinnovabili (12,1%) così come in crescita costante, in questi ultimi tre anni, è la copertura dei consumi da fonti rinnovabili, con il 44,5%.
A livello regionale Abruzzo(40% delle scuole) e Puglia (53,9%) sono territori più virtuosi. Situazione opposta è quella della Lombardia dove solo il 2,8% delle scuole utilizza fonti rinnovabili e del capoluogo molisano dove in nessuna scuola utilizza fonti energetiche alternative.
Abruzzo, Marche, Sicilia e Toscana le regioni dove maggiormente si utilizzano impianti solari termici; dal Lazio alla Calabria passando per Friuli e Sardegna le scuole usano il solare fotovoltaico.
Impianti a geotermia o pompe di calore sono presenti negli edifici di Friuli, Emilia Romagna, Lombardia, Liguria, Puglia, Sicilia e Veneto; quelli a biomassa sempre in quelli dell’Emilia Romagna, dell’Umbria e del Piemonte.

Preparazione concorso ordinario inglese