Home Attualità Vaccini: a settembre caos

Vaccini: a settembre caos

CONDIVIDI

La vaccinazione di massa dei bambini da 0 a 16 anni per 12 vaccini obbligatori, stabilita dal decreto Lorenzin, rischia di mettere nel caos le strutture sanitarie regionali.

A lanciare un appello al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, è  stato il Codacons perchè non firmi il decreto e convochi il Ministro della salute e l’Aifa al Quirinale per chiarimenti prima di approvare la nuova legge sulle vaccinazioni.

Icotea

L’associazione annuncia inoltre che martedì presenterà un rapporto sulle vaccinazioni al capo dello Stato e successivamente alla stampa. 

Sembra infatti che le attese medie vanno dai tre ai cinque mesi, per cui chi telefona oggi può sperare di vaccinare il figlio a novembre. Un mese e mezzo dopo l’inizio della scuola: il rischio è di non trovarsi in regola con la legge. Nei nidi e negli asili questo vorrebbe dire che il bambino non può essere iscritto. Nelle scuole elementari, medie e superiori (fino a 16 anni) invece i genitori sarebbero costretti a pagare fino a 7.500 euro di multa, oltre a una segnalazione al tribunale dei minori che potrebbe optare addirittura per la revoca della patria potestà.

 

{loadposition carta-docente}

 

Tuttavia una soluzione, ventilata dalla ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli, dovrebbe essere una norma transitoria del decreto secondo cui è sufficiente aver fatto la richiesta di vaccinazione per poter essere iscritti. Rimane comunque il problema di fondo: le stime delle società scientifiche parlano di 500 mila bambini da vaccinare, facendo un calcolo di massima delle coperture vaccinali (che vanno dall’85% del morbillo, che ha causato l’allarmante epidemia degli ultimi mesi, al 95% abbondante di polio, tetano, difterite, epatite B e pertosse), da cui vanno sottratti i bambini che hanno già contratto le malattie in questione: dunque è evidente che il rischio caos c’è, soprattutto a settembre.

A livello nazionale una delle ipotesi è di coinvolgere direttamente medici di famiglia e pediatri, che si sono già detti disponibili, per aiutare le Asl nelle vaccinazioni