Home Archivio storico 1998-2013 Generico Valutazione capi di istituto

Valutazione capi di istituto

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Il sistema attivato è complesso e articolato ed è caratterizzato da una diretta partecipazione dei capi di istituto al processo di valutazione.
In pratica il meccanismo è questo: ricorrendo ad una scheda di autoanalisi fornita in allegato alla circolare n.18, ogni capo di istituto dovrà evidenziare le iniziative messe in atto riferite ai seguenti 12 processi:

1) Pianificazione e definizione del piano dell’offerta formativa o della programmazione educativa e del piano delle attività didattiche e organizzative deliberate dalla scuola

2) Interventi specifici per promuovere il diritto all’apprendimento e il successo scolastico degli studenti dell’istituzione scolastica

3) Autovalutazione di istituto

4) Comunicazione pubblica

5) Relazioni istituzionali ed esterne
6) Iniziative relative al rapporto scuola-famiglia
7) Sviluppo e diffusione progetti di ricerca e innovazione formativa

8) Attivazione di accordi di reti, convenzioni e consorzi

9) Formazione e sviluppo personale docente e ATA

10) Modalità di affidamento di incarichi a docenti e funzioni al personale ATA

11)  Gestione dei fondi di istituto
12) Utilizzo innovativo delle tecnologie e delle infrastrutture a disposizione

I processi attivati verranno quindi valutati con riferimento a tre parametri:
completezza delle iniziative
sistematicità rispetto alla strutturazione e continuità nel tempo delle iniziative

qualità delle iniziative intraprese in termini di strutturazione delle modalità di monitoraggio, che possono prevedere:

Un ulteriore elemento di valutazione che verrà tenuto presente riguarda la coerenza delle iniziative intraprese rispetto al contesto socio-economico della scuola ed al piano dell’offerta formativa.
Attraverso un complesso sistema di punteggi (a loro volta corretti con coefficienti legati alle caratteristiche del contesto territoriale) a ciascun capo di istituto verrà attribuito un punteggio da 0 a 12 per ogni processo attivato; il punteggio massimo raggiungibile sarà quindi di 144 punti.


Entro il 31 gennaio – intanto – le Sovrintendenze regionali dovranno istituire i Nuclei di valutazione di cui faranno parte anche esperti esterni.

Entro il 29 febbraio direttori didattici e presidi dovranno restituire i compilati i modelli di autoanalisi.

Per la fine dell’anno scolastico la Sovrintendenza procederà poi alla comunicazione relativa agli esiti della valutazione; il 20% dei capi istituto meglio valutati otterrà un compenso di 6 milioni di lire.

Al termine della procedura i capi di istituto potranno chiedere un colloquio con il Nucleo per conoscere le motivazioni del punteggio attribuito.

ICOTEA_19_dentro articolo
CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese