Home Attualità Violenze a scuola negli Usa, scatta il processo dopo 40 anni di...

Violenze a scuola negli Usa, scatta il processo dopo 40 anni di atrocità a danno degli studenti nativi americani

CONDIVIDI

Le problematiche legate ad inclusione, razzismo ed accettazione delle minoranze fu sollevato dagli stati della coalizione nordica contro quella meridionale durante la Guerra Civile Americana, in pratica tra un mondo pseudodemocratico e liberale, che iniziava a ripudiare schiavitù, maltrattamenti e deportazioni forzate ed una realtà che faceva utilizzo attivo di una forza lavoro priva di diritti per garantire, di fatto, il mantenimento della produzione agraria utile a sfamare il paese. Tale forte contraddizione è rimasta viva anche – e soprattutto – durante il secolo XX, finita tra le priorità politiche di JF Kennedy, il quale aveva iniziato a denunciare i maltrattamenti subiti a danno delle comunità nere ed indiane d’America anche nelle scuole delle aree rurali, specie quelle gestite da realtà religiose cristiane. I massacri compiuti a danno di studenti indiani d’America fino agli anni ’70 del secolo scorso hanno provocato il riaccendersi del dibattito politico USA, per via di nuovi documenti utili a comprendere l’entità della tragedia consumatasi negli ultimi decenni del secolo scorso. Il tanto atteso rapporto investigativo della Federal Indian Boarding School Initiative è stato pubblicato dal Dipartimento degli Interni degli Stati Uniti a mezzogiorno di mercoledì 11 maggio 2022. Poco dopo, il segretario all’Interno Deb Haaland (Laguna Pueblo) è arrivato nella sala del consiglio dell’Interno per una conferenza stampa sul rapporto. 

L’agghiacciante rapporto: il binomio scuola-violenza e la denaturazione dello spazio formativo

Erano tutti lì per fornire una panoramica del rapporto di 106 pagine, che per la prima volta nella storia contiene un’ammissione di abusi fisici, emotivi e sessuali subiti dagli studenti nativi americani nei collegi dedicati alla formazione dei nativi in base a una politica stabilita dagli Stati Uniti Governo degli Stati. Il vicesegretario Newland ha messo in prospettiva la storia dei collegi nativi: “Non c’è un solo indiano americano, nativo dell’Alaska o nativo hawaiano in questo paese la cui vita non sia stata influenzata da queste scuole. Quell’impatto continua a influenzare la vita di innumerevoli famiglie, dalla disgregazione delle famiglie e delle nazioni tribali, alla perdita di lingue, pratiche culturali e parenti. Finora non abbiamo iniziato a spiegare la portata di quest’area politica”. Il rapporto descrive in dettaglio che il governo federale ha gestito o sostenuto dal punto di vista finanziario 408 collegi in 37 stati tra gli anni 1819 e 1969. Inoltre, il documento ha identificato 53 luoghi di sepoltura contrassegnati e non contrassegnati collegati alle scuole in determinate aree, sebbene il Dipartimento si aspettasse di trovare il numero di bambini sepolti nei collegi in tutta la nazione per essere in “migliaia o decine di migliaia”, mentre l’indagine procede. Nel rapporto figura inoltre l’ammissione del governo federale che almeno 500 tombe sono state identificate nei 53 luoghi di sepoltura. Il fatto che il governo degli Stati Uniti ammetta la morte di 500 bambini nativi è di per sé da considerarsi un fatto storico, ma gli esperti che hanno lavorato sulla questione nel corso degli ultimi decenni concordano sul fatto che il numero di defunti attestati è troppo basso, e non vi sono tuttora gli strumenti per determinare con esattezza il numero esatto di defunti tra gli studenti.

Icotea

Veridicità, dissenso politico, tensioni: il rapporto investigativo fa breccia nella memoria collettiva

Ma nessuno dovrebbe dubitare della veridicità della valutazione complessiva proposta dal Comitato, il quale sostienew che potrebbero esserci sepolture ancora non identificate. Nel giugno 2021, subito dopo la scoperta di 215 tombe non contrassegnate presso la scuola residenziale nativa di Kamloops nella Columbia Britannica, l’ex direttore dello Ziibiwing Center of Anishinabe Culture and Lifeways ha fatto presente ai partecipanti a una manifestazione a Grand Rapids, Michigan, che ci sono 227 resti sulla base del collegio indiano chiuso nel vicino Monte Pleasant. Ciò probabilmente cambierà nei prossimi mesi e anni con il rilascio del rapporto investigativo sul collegio federale e la nuova legislazione per creare e finanziare una commissione per studiare i collegi nativi e le rispettive violenze consumatesi in loco.  Il volume di lavoro contenuto nel rapporto, che identifica 98,4 milioni di documenti sui collegi indiani, è enorme. Il rapporto richiede il lavoro della Federal Indian Boarding School Initiative che cercherà di trovare tutte le tombe dei bambini morti mentre erano sotto la custodia del governo federale. Il lavoro deve continuare, ha detto il dirigente della NABS Parker in un commento lacrimoso e feroce.  “I nostri figli meritano di essere trovati”, ha detto Parker. “I nostri figli meritano di essere portati a casa. Siamo qui per la loro giustizia e non smetteremo di sostenere fino a quando gli Stati Uniti non renderanno pienamente conto del genocidio commesso contro i bambini nativi. Il momento è adesso.”