Home I lettori ci scrivono 40 anni d’integrazione nella scuola che il governo vuole distruggere

40 anni d’integrazione nella scuola che il governo vuole distruggere

CONDIVIDI

Dal responsabile nazionale scuola del PCI riceviamo e pubblichiamo.

Quaranta anni fa con la promulgazione della legge 517 del 4 agosto 1977 la scuola italiana compiva un passo fondamentale nell’integrazione dei ragazzi e delle ragazze con disabilità. Una scelta forte, frutto del clima culturale di cambiamento e delle lotte sociali degli anni 60 e 70, che poneva il sistema scolastico del nostro paese all’avanguardia sul piano internazionale.

Icotea

Purtroppo non possiamo solo limitarci alle celebrazioni ma a esse dobbiamo unire un forte allarme: da diversi anni l’integrazione degli studenti disabili è oggetto di un violento attacco da parte dei governi e della burocrazia ministeriale. Incurante delle numerose sentenze di condanna che ha dovuto subire dai tribunali amministrativi di tutta Italia e dei pronunciamenti persino della Corte Costituzionale, il ministero continua a tagliare il monte ore di sostegno. D’altra parte i tagli allo stato sociale hanno inciso pesantemente sul contributo che, su questo tema, la scuola avrebbe dovuto ricevere da Enti Locali e strutture sanitarie. La delega della legge 107 che il governo Gentiloni ha servilmente varato, nonostante una forte opposizione d’insegnanti e associazionismo, rischia di essere la pietra tombale sulla scelta dell’integrazione.

E’ necessaria una forte mobilitazione politica, sociale e culturale per difendere la scelta di civiltà compiuta negli scorsi decenni: nella scuola come nella società dobbiamo essere tutti uguali perché siamo tutti diversi.