Home Archivio storico 1998-2013 Ordinamento 8mln per il comodato d’uso fanno 2 libri per classe

8mln per il comodato d’uso fanno 2 libri per classe

CONDIVIDI
  • Credion

Quanti libri si possono acquistare con un assegno da 8 milioni di euro? Ipotizzando un prezzo medio di copertina di 15 euro, si può riempire una biblioteca con circa 533.000 testi, ma se rapportato al numero di classi delle scuole medie e superiori, si traduce in circa 2 libri per ciascuna.
Di questi 8 milioni non tutte le scuole beneficeranno allo stesso modo, visto che il finanziamento è diviso in due tranche.
Nel 2013 2.7 milioni di euro andranno alle Regioni più disagiate: Abruzzo, Campania, Calabria, Basilicata, Sicilia, Sardegna e Puglia e nel 2014 sono previsti 5.3 milioni complessivi per tutte le regioni.
I fondi saranno poi distribuiti a ciascuna scuola in base al numero di alunni. Quindi considerando che le suddette regioni annoverano 79.803 classi e 1.7 milioni di studenti tra medie e superiori, con la cifra prevista nel 2013 si potrebbero acquistare 2,25 libri per classe, con uno stanziamento di 1,56 euro per alunno. Nel 2014 invece, ripartendo le risorse su tutte le regioni, la media di testi per classe scende a 1,84 e il fondo pro capite a 1,24 euro per studente.
Chiaramente all’interno della singola scuola i libri in comodato saranno assegnati, come avviene già adesso laddove il servizio è attivo, agli studenti con reddito più basso e appartenenti alle classi dove la spesa dei libri è più elevata. Tuttavia la cifra complessiva rapportata al numero degli alunni fa comprendere che con “soli” 8 milioni si può erogare un bonus di 100 euro in libri per uno studente ogni sessanta.
Questo perché, spiega ancora Skuola.net, i criteri di assegnazione dei libri in comodato sono diversi, fa cui anche i tetti di spesa. Infatti, verranno assegnate più risorse alle classi in cui le cifre preventivate per l’acquisto dei libri scolastici sono più alte, quindi le prime delle scuole secondarie di primo grado, e le prime e le terze di quelle secondarie di secondo grado. Un altro parametro scelto dal ministero è la popolosità degli istituti: più soldi per il comodato alle scuole più affollate.