Home Sicurezza ed edilizia scolastica A Cortona buone pratiche nell’edilizia scolastica

A Cortona buone pratiche nell’edilizia scolastica

CONDIVIDI

L’Amministrazione comunale di Cortona (comune in provincia di Arezzo), diretta dal sindaco Francesca Basanieri, negli ultimi tre anni ha dimostrato un particolare impegno nella soluzione di problemi legati all’edilizia scolastica.

Con i suoi 21 plessi scolastici, una popolazione di 23.000 abitanti e un estensione territoriale di 342 km quadrati il comune di Cortona rappresenta un sistema territoriale complesso, in cui l’evento sismico del 2016 ha creato una reazione di intenti utile a programmare con successo il miglioramento generale delle strutture edili degli edifici comunali.

Icotea

A tal riguardo l’attenzione programmatica riferita all’edilizia scolastica ha portato i seguenti risultati:

  • Indagini di vulnerabilità sismica (125.000 € già effettuate +170.000 € finanziati per completamento di tutte le verifiche di vulnerabiltà delle scuole entro estate 2017);
  • Acquisto immobile Fratta (555.000 €), ricostruzione porzione edificio scuola Terontola (con centro cottura) 650.000 € di cui 250.000 € Comune;
  • Adeguamento statico e miglioramento sismico edifici scolastici di Cortona Centro Storico (350.000 €+ 20.000,00 € finanziati);
  • Indagini di anti-sfondellamento e relativi interventi (102.000 €);
  • Adeguamenti edifici scolastici relativamente agli impianti alla prevenzione incendi, alle scariche atmosferiche, alle barriere architettoniche, all’amianto, agli infissi, alle linee vita etc.(860.000 € anni 2015/2016), messa a norma centrali termiche (60.000 €);
  • Progetto realizzazione nuova scuola primaria della frazione di Camucia per € 4.000.000 di cui finanziati nel 2016 € 2.000.000.

Insomma un esempio di buone pratiche riguardanti il miglioramento strutturale degli edifici scolastici. Un impegno tecnico a 360 gradi che coinvolge tra le altre cose la vulnerabilità sismica delle scuole, il miglioramento sismico edifici scolastici, le indagini di anti-sfondellamento dei solai, la prevenzione incendi, le barriere architettoniche e le bonifiche relative all’amianto.

In conclusione nessuna criticità strutturale nelle scuole di Cortona, a tutto vantaggio di studenti, famiglie e operatori della scuola.