Home Sicurezza ed edilizia scolastica A Sulmona rinviata l’apertura delle scuole

A Sulmona rinviata l’apertura delle scuole

CONDIVIDI
  • Credion

Slitta a data da destinare l’apertura delle scuole a Sulmona, in Abruzzo.

La sindaca della città, Annamaria Casini, dopo un’animata assemblea pubblica con gli amministratori (700 i partecipanti), svoltasi su richiesta del neonato comitato ‘Scuole sicure’, composto da circa 400 famiglie, ha deciso di rinviare l’inizio dell’anno scolastico previsto per lunedì 12 settembre.

Icotea

La richiesta del comitato ‘scuole sicure’ è stato perentorio anche perché le 400 famiglie si sono rifiutate di mandare a scuola i figli prima che gli enti preposto abbiano certificato la sicurezza degli edifici

“In questo momento la cosa più importante è mandare a scuola i nostri figli in una situazione di ragionevole sicurezza”, ha sottolineato il sindaco.

 “Se queste condizioni non ci sono io non riaprirò le scuole”.

 

{loadposition eb-abc-sicurezza}

 

la prima cittadina ha quindi sottolineato che chiederà a Regione e Prefetto di L’Aquila di lavorare insieme per arrivare alla soluzione più sicura per gli studenti di Sulmona considerati a rischio e stimati attorno alle 1400 unità.

La prima soluzione messa in campo dall’amministrazione è quella di realizzare dei Moduli provvisori (Musp) per poter avviare in tutta tranquillità il discorso di messa in sicurezza di tutte le scuole. Un eventuale piano “B” prevede l’utilizzo dei pochi edifici scolastici considerati “sicuri” ed degli edifici pubblici di recente costruzione.

 “Che i Musp arrivino questo non posso dirlo con certezza”, ha concluso la sindaca, “dobbiamo attendere le decisioni che la Giunta Regionale prenderà nei prossimi giorni, anche se sono ottimista sulla disponibilità della Regione”.