Home Archivio storico 1998-2013 Generico Abilitazione professionale per agrotecnico

Abilitazione professionale per agrotecnico

CONDIVIDI
  • Credion

Con apposita ordinanza del 18 giugno 2002 (pubblicata sulla G.U. n. 50 – 4a Serie speciale – del 25/6/2002), il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha indetto per l’anno in corso la sessione degli esami di Stato per l’abilitazione all’esercizio della libera professione di agrotecnico.
Agli esami, che si svolgono in sede regionale o interregionale, sono ammessi i candidati che, oltre al diploma di istruzione secondaria superiore di agrotecnico conseguito presso un istituto professionale per l’agricoltura e l’ambiente, paritario o legalmente riconosciuto, possiedono, alla data del giorno precedente a quello di inizio delle prove d’esame, almeno uno dei requisiti descritti nell’art. 2 della stessa ordinanza ministeriale (alcuni dei quali facenti riferimento all’art. 1 della Legge n. 91 del 5 marzo 1991).
Le domande di ammissione, redatte su carta legale ed indirizzate al preside dell’istituto professionale di Stato per l’agricoltura e l’ambiente sede di esame (l’elenco delle sedi è riportato nell’allegato A dell’ordinanza), devono essere inviate entro il 25 luglio 2002 (a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento) al Collegio Nazionale degli agrotecnici e degli agrotecnici laureati presso l’Ufficio di Presidenza – Poste Succursale n. 1 – 47100 Forlì (dove è anche predisposto un servizio di ricezione diretta delle domande). I candidati devono indicare nella domanda l’istituto professionale di Stato per l’agricoltura e l’ambiente da loro prescelto, tra quelli indicati nell’allegato A dell’ordinanza citata.
All’istanza di ammissione agli esami devono essere allegati i seguenti documenti:
– curriculum in carta semplice, sottoscritto dal candidato, relativo all’attività professionale svolta e agli eventuali ulteriori studi compiuti dopo il conseguimento del diploma di agrotecnico;
– eventuali pubblicazioni di carattere professionale;
– ricevute attestanti l’avvenuto versamento della tassa di ammissione agli esami (euro 49,58) e del contributo dovuto all’istituto professionale sede di esame (euro 1,55).
– elenco, sottoscritto dal candidato, dei documenti numerati in ordine progressivo prodotti a corredo della domanda.
Gli esami avranno inizio in tutte le sedi nello stesso giorno e per gli scritti non sono consentite prove suppletive. La prima prova scritta è stata fissata per il prossimo 14 novembre, mentre il giorno successivo si svolgerà la seconda prova scritta o scritto-grafica; l’elenco e le votazioni degli ammessi alla prova orale, nonché il relativo calendario, vengono resi noti, tramite affissione all’albo dell’istituto sede d’esame, entro il giorno successivo al termine della correzione degli elaborati. Gli argomenti oggetto delle prove d’esame sono indicati nell’allegato B dell’ordinanza ministeriale del 18 giugno 2002.