Home Università e Afam Afam: ripartizione dei fondi. Flc-Cgil: ora stabilizzazione e statizzazione

Afam: ripartizione dei fondi. Flc-Cgil: ora stabilizzazione e statizzazione

CONDIVIDI

La segretaria regionale della Flc-Cgil Sicilia, Graziamaria Pistorino, attraverso un comunicato fa sapere che è stato pubblicato il decreto per la ripartizione dei fondi 2017, ex art.22 bis L 96/17 (legge di statalizzazione), assegnati agli istituti superiori di studi musicali non statali e Accademie di belle arti non statali.

“Una vera boccata d’ossigeno per gli Istituti siciliani in gravissima criticità economica”, dice Pistorino.

“I nostri istituti – aggiunge la segretaria Flc-Cgil Sicilia– per alcuni mesi potranno sopravvivere. Servono ora decreti ed atti ministeriali per avviare convenzioni tra enti locali, Miur e istituzioni, oltre alla statizzazione del personale per l’allargamento dell’organico statale come previsto dalla legge”.

ICOTEA_19_dentro articolo

“Le istituzioni siciliane in particolare Catania e Ribera hanno inviato a Roma i dati di bilancio e degli organici, necessari per l’avvio delle procedure. L’istituto di Ribera e il Commissario della Provincia Regionale di Agrigento hanno già sollecitato l’emanazione dei decreti attuativi ed il Bellini di Catania si è anche già attivato a tal proposito. Anche l’Anci siciliana ha sollecitato l’intervento del Miur per l’avvio immediato dei processi di statalizzazione previsti dalla legge”.

“È un errore – conclude Pistorino – pensare di congelare tutto a causa delle prossime scadenze elettorali e demandare la questione al nuovo governo. Così facendo, infatti, si metterebbe a rischio la sostenibilità finanziaria degli enti già per l’anno accademico in corso e quindi la loro sopravvivenza. Un paradosso proprio ora che sono state stanziate le risorse”.