Home Politica scolastica Al concorso 4mila candidati al giorno

Al concorso 4mila candidati al giorno

CONDIVIDI

Oltre 40mila domande nei primi dodici giorni, l’equivalente di 3.700 al giorno, quasi tre al minuto. Questi i numeri delle richiesta di partecipazione al concorso nel breve volgere di qualche giorno, mentre  si attendono almeno 200mila candidature inviate tramite il sistema Polis tra il 29 febbraio e il del 30 marzo.

Nel 2012 per 11.542 posti messi a concorso, ricorda una analisi del Sole 24 Ore,  si presentarono oltre 300mila candidati. In prevalenza donne – 258mila rispetto a 63mila uomini – e con un’età compresa tra 36 e 45 anni.

Icotea

Oggi i posti sono 7.237 per la scuola dell’infanzia; 21.098 per la primaria; 16.616 per le medie e 18.255 per le superiori. A questi si aggiungono 506 posti che sono banditi sulla nuova classe di concorso A023, l’italiano per studenti stranieri.

La regione con il maggior numero di richieste è la Lombardia, che calamita ben 11.176 cattedre, il 17,5%. E in generale l’intero Settentrione sarà destinazione di circa la metà dei nuovi insegnanti, il 47%, pari a 29.773 cattedre. Al Sud, invece, andrà un terzo dei posti, con la Campania a farla da padrona (6.413).

 

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

 

La materia con più posti è «Italiano, storia, geografia», con 9.368 cattedre per medie e superiori. A seguire i 5.541 posti di «matematica e scienze» e i 3.221 di «lingua straniera».

Per la scuola dell’infanzia e primaria possono partecipare  anche ai diplomati magistrali entro l’anno scolastico 2001/2002, mentre il bando sul sostegno, oltre all’abilitazione, richiede appositi titoli di specializzazione. Esclusi i diplomati magistrali a indirizzo linguistico, ritenuti invece dalla giurisprudenza del Consiglio di Stato abilitati magistrali come gli altri, e anche i precari con 36 mesi di servizio che non hanno potuto usufruire di percorsi abilitanti specifici.

L’obiettivo dichiarato dal ministero dell’Istruzione è chiudere tutte le procedure del concorso entro agosto, con l’immissione in ruolo dei primi vincitori a settembre alla riapertura delle scuole.

Per alcune classi di concorso sono previste anche delle prove pratiche. Nella valutazione del curriculum si valorizzeranno anche i titoli abilitanti, il servizio pregresso,  il dottorato di ricerca, le certificazioni linguistiche.