Home Politica scolastica Alternanza scuola-lavoro anche in parrocchia

Alternanza scuola-lavoro anche in parrocchia

CONDIVIDI

Le famose ora da dedicare, secondo i crismi della cosiddetta buona scuola, all’alternanza scuola-lavoro si possono realizzare in forme e in luoghi anche impensabili, passando dalle aziende alle botteghe, dai musei agli enti pubblici, dall’ufficio del commercialista allo studio del geometra, ma anche attraverso gli oratori delle parrocchie.

E allora succede che la scuola, per ottemperare all’indicazione ministeriale, si  rivolga alle parrocchie  per la realizzazione di percorsi di lavoro  in archivi e biblioteche, musei e istituzioni culturali, attività di volontariato in generale, insieme ad altre opportunità tipiche di ogni parrocchia.

Icotea

Secondo quanto riporta Il Corriere della Sera, tale l’offerta, arrivata all’Ufficio Scolastico Regionale della Lombardia e comunicata ai presidi con la nota del 2 febbraio, sarebbe partita da una dozzina di chiese di Milano e altrettante di Bergamo.

Si tratta insomma, in mancanza magarti di industrie o di aziende che richiedano alunni per stage, di fare volontariato, attività negli oratori, nei centri estivi, assistenza agli anziani, ma non solo, gli studenti potranno “lavorare” negli archivi parrocchiali, inventariare i beni artistici, organizzare le attività per i ragazzi più piccoli o per quelli più fragili.

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

Le scuole potranno approfondire i dettagli relativi alla collaborazione direttamente con i parroci e con i sacerdoti responsabili delle varie parrocchie e dei centri ricreativi estivi (quanto prima – promette la nota dell’Ufficio Scolastico – saranno aggiornati nuovi elenchi).