Home Archivio storico 1998-2013 Generico Amnesty International, Rapporto annuale 2005

Amnesty International, Rapporto annuale 2005

CONDIVIDI


Il 25 maggio, alle ore 11.30, presso la Sala Igea dell’Istituto della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani (Piazza della Enciclopedia Italiana 4 – Roma), la sezione italiana di Amnesty International presenterà il "Rapporto Annuale 2005", che documenta la situazione dei diritti umani in 149 Paesi e territori nel corso del 2004. Fornisce, inoltre, un quadro del lavoro svolto dall’organizzazione per promuovere i diritti umani e lottare contro specifici abusi su temi quali la violenza sulle donne, la tortura e il commercio di armi.

Dal Rapporto emerge che sessant’anni dopo la fine della seconda guerra mondiale, i governi continuano a tradire le loro promesse di un ordine del mondo basato sui diritti umani e perseguono gli obiettivi di una nuova, pericolosa agenda.
Il linguaggio della libertà e della giustizia è finalizzato ad adottare politiche che sfruttano la paura e l’insicurezza, come i cinici tentativi di ridefinire e condonare la tortura. La nuova agenda, insieme all’indifferenza e alla paralisi della comunità internazionale, è stata fallimentare per le svariate migliaia di vittime delle crisi umanitarie e dei conflitti dimenticati nel corso dell’anno passato.

Durante la conferenza stampa, Amnesty International presenterà il nuovo briefing  "Da Tian An Men a oggi: violazioni dei diritti umani in Cina" (EGA Editore).

Da segnalare, inoltre, che il mese scorso è stato inaugurato il Centro di Documentazione di Amnesty International, punto di riferimento nazionale dell’associazione per la ricerca e la formazione sui diritti umani. I materiali raccolti e disponibili, sia in formato cartaceo che all’interno di "librerie virtuali", presentano una panoramica sulle tematiche inerenti i diritti umani. Il Centro di Documentazione si trova in via G.B. De Rossi, 10 – Roma (tel. 06/4490252; fax 06/4490222; e-mail: [email protected] , cliccabile da "Ulteriori approfondimenti").

Icotea

Maggiori informazioni sulle attività di Amnesty International possono essere rintracciate sul sito internet www.amnesty.it (cliccabile da "Ulteriori approfondimenti").