Home Attualità Anche a Olbia la preside vieta il presepe

Anche a Olbia la preside vieta il presepe

CONDIVIDI

Dopo Rozzano e Sassari, scoppia il caso di Golfo Aranci, piccolo borgo turistico di 2.400 abitanti sulla costa nord della Sardegna, nella provincia di Olbia-Tempio.

La dirigente scolastica della scuola Materna ha deciso di impedire a 60 bambini tra i 3 e i 6 anni di fare il presepio e imparare i canti natalizi.

Icotea

Un divieto che, riporta l’Ansa,  ha mandato su tutte le furie una quarantina di mamme le quali, sostenute dal sindaco e dal parroco, stanno pensando a forme di protesta clamorose: non portare più i bambini a scuola ma in chiesa, così da prepararli in vista della festività cristiana. La proposta provocatoria arriva direttamente dal sacerdote che si è detto pronto a fare lezione in parrocchia sin dalla prossima settimana. “Vengano tutti in chiesa, qui le porte sono sempre aperte”.

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

La dirigente scolastica, dopo il provvedimento preso, si è trincerata dietro il silenzio, rifiutando il confronto con i giornalisti, ma anche con le stesse mamme e con il sacerdote. L’unico ad averci parlato oggi è stato il sindaco. “Mi ha riferito – racconta il primo cittadino – di una decisione che vieta la realizzazione del presepio, l’insegnamento di ‘Tu scendi dalle stelle’ e altre attività con riferimenti al cristianesimo, assunta in seguito a una disposizione ministeriale. Io sono molto contrariato e rammaricato, perché si tratta della nostra cultura, a cui si vuol porre un freno in nome dell’integrazione”.

Lunedì la dirigente scolastica dovrebbe incontrare l’amministrazione comunale