Home Archivio storico 1998-2013 Generico “Andersen Festival alla Baia della Favole”

“Andersen Festival alla Baia della Favole”

CONDIVIDI


Il premio letterario "Hans Christian Andersen – Baia delle Favole", promosso dal comune di Sestri Levante (con la partecipazione della regione Liguria, della provincia di Genova e della Fondazione Mediaterraneo), è giunto alla 37ª edizione. Il concorso prevede l’invio, entro l’8 marzo 2004, di fiabe inedite a tema libero (scritte in lingua italiana o francese o inglese) e possono partecipare non solo di scrittori già affermati ma anche aspiranti giovani scrittori (per l’edizione precedente sono state inviate quasi mille fiabe).
Le sezioni per gli autori sono quattro: scuola materna, da 3 a 5 anni (partecipazione in gruppo), bambini, da 6 a 10 anni (partecipazione individuale o in gruppo), ragazzi, da 11 a 16 anni (partecipazione individuale o in gruppo) e scrittori con oltre 16 anni di età (partecipazione individuale).

Il bando di concorso, che può essere richiesto, insieme ad altre informazioni, alla Segreteria del Premio "Andersen – Baia delle Favole" già attiva presso l’Informagiovani di Sestri Levante (telefono e fax: 0185/458490; e-mail: [email protected]), è consultabile sul sito internet del Comune di Sestri Levante (www.comune.sestri-levante.ge.it) e sul sito
www.premioandersen.it, cliccabile da "Ulteriori approfondimenti".
La proclamazione dei vincitori, con relativa premiazione, è prevista per il giorno 29 maggio 2004 nel corso dell’Andersen Festival, rassegna culturale, collegata al premio letterario, che si svolge a Sestri Levante (GE) dal 27 al 30 maggio prossimi: sono in programma numerosi appuntamenti informativi e di approfondimento sulla letteratura per l’infanzia e saranno coinvolte le scuole del territorio attraverso laboratori, iniziative culturali e progetti ludico-scolastici. L’Andersen Festival proporrà ai bambini una rassegna di artisti di strada e spettacoli di burattini. Sono anche previsti interventi narrativi di personaggi del teatro, della televisione e del cinema.

CONDIVIDI