Home Attualità Anno finito, per Azzolina la DaD l’ha salvato: presto linee guida per...

Anno finito, per Azzolina la DaD l’ha salvato: presto linee guida per il rientro, no agli alunni in gabbia

CONDIVIDI
webaccademia 2020

“A breve le linee guida del ministero saranno pronte. Stiamo portando avanti il confronto con le varie parti coinvolte”: l’annuncio è della ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, nell’ultimo giorno di scuola contrassegnato anche dallo sciopero proclamato dai sindacati.

“Creeremo soluzioni in modo chirurgico”

La titolare del Mi ha detto che non c’è alcun ritardo, facendo capire che le soluzioni da attuare a settembre non saranno uguali per tutte le scuole: abbiamo “già iniziato a costituire i tavoli regionali. Perché dovrà essere sui territori che andremo fisicamente a costruire le soluzioni, in modo chirurgico. Nelle singole scuole, che in questo Paese sono molto diverse le une dalle altre”.

Azzolina conferma che si realizzerà “un monitoraggio costante delle varie situazioni e delle difficoltà da superare. E ce ne saranno, è indubbio. Ma lo ripeto: abbiamo gli strumenti per risolverle”.

ICOTEA_19_dentro articolo

Il mio messaggio per la chiusura dell'anno scolastico

In queste ore si sta chiudendo un anno scolastico del tutto straordinario, che ci ha messo alla prova e che certamente ricorderemo nel tempo.Qualcuno oggi sarà riuscito a salutarsi, forse a distanza. Altri lo faranno probabilmente nelle prossime settimane.Le ragazze e i ragazzi delle classi terze del primo grado stanno discutendo in questi giorni i loro elaborati. Il 17 iniziano invece gli Esami del secondo ciclo. A tutti loro va il mio incoraggiamento.L’Esame di maturità, in particolare, sarà anche un primo passo verso la riapertura delle scuole.In questi mesi c’è stato un grande dibattito sulla didattica digitale. La cosiddetta Dad. È stata una prova molto impegnativa per tutti, ma so che in tanti hanno apprezzato il lavoro fatto.Siamo partiti da zero. Abbiamo costruito un modello che ha permesso di salvare l’anno scolastico. E la scuola si è riscoperta un po’ più digitale. Sono anche convinta che nel tempo sapremo guardare a questo periodo con maggior distacco, e quindi anche con maggior equilibrio.La Dad ci ha aiutato, ma a settembre torneremo alle lezioni in presenza. Siamo al lavoro per questo. Non esistono soluzioni miracolose, ma di buon senso sì. E abbiamo strumenti e risorse per realizzarle. Abbiamo anche le idee chiare sui tempi: A breve le linee guida del ministero saranno pronte. Stiamo portando avanti il confronto con le varie parti coinvolte.Intanto abbiamo già iniziato a costituire i tavoli regionali. Perché dovrà essere sui territori che andremo fisicamente a costruire le soluzioni, in modo chirurgico. Nelle singole scuole, che in questo Paese sono molto diverse le une dalle altre.E avremo un monitoraggio costante delle varie situazioni e delle difficoltà da superare. E ce ne saranno, è indubbio. Ma lo ripeto: abbiamo gli strumenti per risolverle.Naturalmente dobbiamo augurarci che la minaccia del virus diventi presto un brutto ricordo, ma saremo comunque pronti ad ogni scenario.Permettetemi di dire anche un’altra cosa: il tema della sicurezza a scuola è molto serio e richiede prudenza, anche nei giudizi e nei commenti.Nessuno del Comitato tecnico-scientifico, e tanto meno qui al Ministero, ha mai immaginato di chiudere gli studenti dentro cabine di sicurezza, come è stato invece raccontato in queste ore, in maniera quanto meno superficiale. Ho visto immagini surreali di ragazzi chiusi dentro a strutture simili a gabbie.Questa è disinformazione. Nessuno ha mai pensato a cose del genere.Semmai sono due anni che parlo del problema delle classi pollaio. E oggi finalmente tutti si accorgono del numero di alunni nelle classi delle scuole italiane.Siamo al lavoro, giorno e notte, per riportare gli studenti a scuola con le giuste misure di sicurezza. Senza eccessi, senza forzature. Vogliamo tornare alla normalità e lo faremo trovando il giusto bilanciamento tra due diritti sacrosanti, quello all’istruzione e quello alla salute.

Publiée par Lucia Azzolina sur Lundi 8 juin 2020

Niente gabbie di plexiglass

Il ministero è pronto a tutto: “dobbiamo augurarci che la minaccia del virus diventi presto un brutto ricordo, ma saremo comunque pronti ad ogni scenario”, perché “il tema della sicurezza a scuola è molto serio e richiede prudenza, anche nei giudizi e nei commenti”.

Poi, ha preso le distanze dalle critiche a go go sull’ipotesi dei plaxiglass nelle aule, di cui si era parlato durante l’incontro tenuto con sindacati e parti sociali il 4 giugno a Palazzo Chigi proprio sulla ripresa della didattica in presenza.

“Nessuno del Comitato tecnico-scientifico, e tanto meno qui al Ministero, ha mai immaginato di chiudere gli studenti dentro cabine di sicurezza, come è stato invece raccontato in queste ore, in maniera quanto meno superficiale. Ho visto immagini surreali di ragazzi chiusi dentro a strutture simili a gabbie. Questa è disinformazione. Nessuno ha mai pensato a cose del genere”, ha tagliato corto Azzolona.

Ritorno a settembre: “idee chiare sui tempi”

Poi ha aggiunto: “La Dad ci ha aiutato, ma a settembre torneremo alle lezioni in presenza. Siamo al lavoro per questo. Non esistono soluzioni miracolose, ma di buon senso sì. E abbiamo strumenti e risorse per realizzarle. Abbiamo anche le idee chiare sui tempi”. Idee che però devono ancora essere rese pubbliche.

Poi ha aggiunto che “sono due anni che parlo del problema delle classi pollaio. E oggi finalmente tutti si accorgono del numero di alunni nelle classi delle scuole italiane. Siamo al lavoro, giorno e notte, per riportare gli studenti a scuola con le giuste misure di sicurezza”.

L’analisi dell’anno finito

Azzolina ha quindi parlato dell’anno scolastico “del tutto straordinario” che si è concluso in queste ore: “ci ha messo alla prova e che certamente ricorderemo nel tempo”.

“Qualcuno oggi sarà riuscito a salutarsi, forse a distanza. Altri lo faranno probabilmente nelle prossime settimane”.

“In questi mesi c’è stato un grande dibattito sulla didattica digitale: è stata una prova molto impegnativa per tutti, ma so che in tanti hanno apprezzato il lavoro fatto. Siamo partiti da zero. Abbiamo costruito un modello che ha permesso di salvare l’anno scolastico. E la scuola si è riscoperta un po’ più digitale”.

Maturità, staremo vicini a tutti

Sull’esame di maturità ha detto che sarà “un primo passo verso la riapertura delle scuole”.

Al Sole 24 Ore, la titolare del Mi ha anche detto che “per le scuole di secondo grado abbiamo semplificato molto gli esami, ma li abbiamo mantenuti. Ed era importante farlo. Per preservare sia l’aspetto formale di una prova che porta al conseguimento del diploma finale sia quello sostanziale ed emotivo”.

“Non facendo l’esame – ha aggiunto Azzolina – avremmo privato i candidati del 2020 di un pezzo importante della loro storia scolastica. Forse avremmo raccolto anche un facile consenso. Ma in futuro, ne sono convinta, i maturandi del 2020 avrebbero guardato a questo mancato momento di passaggio con amarezza e rimpianto”.

Ci sono docenti, soprattutto over 55, e studenti che temono per la loro salute. “Staremo vicini a dirigenti e insegnanti, rispondendo anche a eventuali dubbi pratici. Capisco le ansie di chi vorrebbe che l’esame non si facesse, ma ci tengo a rassicurare i ragazzi: i docenti terranno conto delle difficoltà che tutti possono aver incontrato svolgendo le lezioni a distanza”.

LA SCUOLA CHE VERRÀ

LA TECNICA PER LA SCUOLA

Come fare didattica a distanza: consigli e soluzioni

Preparazione concorso ordinario inglese